Cyber, scienza e gossip / Gossip

Commenta Stampa

La showgirl criticata per alcune foto

Elisabetta Gregoraci criticata dagli animalisti


Elisabetta Gregoraci criticata dagli animalisti
13/03/2013, 17:26

Elisabetta Gregoraci nel mirino degli animalisti. Ebbene si, la bella mogliettina di Flavio Briatore è stata duramente criticata per alcune foto pubblicate dal settimanale Nuovo. Una delle foto in questione ritrae la showgirl a cavallo di una tartaruga insieme al figlio Nathan Falco, avuto dal compagno Flavio Briatore.
La tartaruga in questione ha fatto capolino durante una gita che la showgirl calabrese si è concessa al rettilario di Watamu in Kenya, paese dove spesso si reca insieme a Briatore per portare avanti le questioni di affari.
Il settimanale Nuovo, oltre a riportare la foto ha interpellato anche un esperto in materia che ha duramente criticato il comportamento della Gregoraci e del piccolo Nathan Falco: “Questi comportamenti danneggiano gli sforzi fatti per proteggere la natura determinando un pessimo rapporto uomo-animale“, dice l’esperto che ricorda poi come in generale tutti i rettili non amino molto il contatto con l’uomo e dunque Elisabetta Gregoraci, montando sulla tartaruga, mette in atto un comportamento che danneggia l’animale.
Nell’ultimo perdiodo, la showgirl è stata spesso oggetti di critica. Poco tempo fa, infatti, è finita nel mirino della blogger Selvaggia Lucarelli la quale aveva pubblicato la foto di Nathan Falco che indossava una t shirt particolare con la scritta “Scusare per il look, ma mia mamma è Super Fashion”. “Mi chiedo se rispettare un paese del genere (il Kenya) come dice il buon Flavio, non sia compito solo dei turisti cretini che sfoggiano il Rolex ma anche degli imprenditori che non conoscono la differenza tra investire e ostentare. Queste la parole della blogger giornalista su facebook che precedentemente aveva avuto un litigio a distanza anche con lo stesso Flavio Briatore sempre a proposito di una questione legata al Kenya. Stavolta per Elisabetta Gregoraci arrivano gli animalisti.
A questo punto, non ci resta che attendere le pubbliche scuse da parte della Signora Briatore. 

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©