Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

L'inziativa del sindaco Costabile Maurano

Emergenza maltempo, ordinanza anti-frane a Castellabate


Emergenza maltempo, ordinanza anti-frane a Castellabate
19/02/2009, 13:02


Emergenza piogge, per fronteggiare i possibili allagamenti e le frane, il sindaco di Castellabate ha emesso un'ordinanza che impone ai proprietari di immobili e terreni la regimentazione e il convogliamento delle acque meteoriche, con la rimozione di detriti terrosi e residui vegetali. Il provvedimento, che è il n. 14 dello scorso 11 febbraio, obbliga anche gli agricoltori, i proprietari, i gestori e gli utenti titolari dei diritti d'acqua di fiumi e canali a curare la manutenzione e la pulizia delle sponde e degli alvei. Questo allo scopo di favorire il naturale deflusso delle acque anche a fronte di abbondanti precipitazioni, scongiurando ogni possibile pericolo per la circolazione stradale e gli smottamenti di terreno, nonché il ristagno di acqua nei fossi o nei canali dovuto all'ostruzioni degli stessi. Per chi non rispetterà l'ordinanza sono previste sanzioni amministrative pecuniarie fino a 500 euro e la denuncia alle competenti autorità, secondo le previsioni di legge. In particolare i fondi rustici devono essere dotati di "canali o scoli" sui  terrazzamenti, con pendenze interne tali da consentire il convogliamento e lo smaltimento negli stessi fondi delle prime acque meteoriche. Per le aree di pertinenza dei fabbricati si deve provvedere alla raccolta delle acque  meteoriche in pozzetti e canalizzazioni, capaci di assicurare un normale deflusso. Nei fondi limitrofi o frontisti a strade a uso pubblico va evitare l'invasione dei marciapiedi e delle sedi stradali da parte di vegetazione, terra e detriti, che costituiscano pericolo per autoveicoli e pedoni. Gli agricoltori e i proprietari, gestori, utenti titolari dei diritti d'acqua di fiumi e canali devono invece provvedere all'asportazione con mezzi idonei del materiale depositato dalle acque di piena, alla rimozione di ogni ostacolo che impedisca il normale deflusso delle acque, al mantenimento delle sponde dei fossi in modo da impedire frane e alla loro regola pulizia. I rifiuti derivanti dai lavori di pulizia dei corsi d'acqua dovranno essere smaltiti e recuperati secondo quanto previsto dalle norme di legge. Naturalmente è vietato incendiare la vegetazione o utilizzare diserbanti e dissecanti, nonché rimuovere le ceppaie degli alberi che sostengono le sponde.
 

Commenta Stampa
di Vincenzo Rubano
Riproduzione riservata ©