Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Emissioni di CO2 ridotte per le Volkswagen destinate ai Grandi Acquirenti


Emissioni di CO2 ridotte per le Volkswagen destinate ai Grandi Acquirenti
27/08/2011, 13:08

Da un recente studio condotto dall’Istituto di ricerche di mercato Dataforce è emerso che le vetture del Gruppo Volkswagen vendute ai Grandi Acquirenti nella prima metà del 2011 hanno fatto registrare una media di emissioni di CO2 pari a 136 g/km: un valore al di sotto della soglia di 140 g/km fissata dall’Unione Europea.

In particolare le auto della marca Volkswagen si sono attestate ben al di sotto del limite UE, grazie a emissioni medie di 127 g/km. Dal 2006, i livelli di emissioni delle vetture che la Casa di Wolfsburg destina ai Grandi Acquirenti sono inferiori ai valori stabiliti dall’Unione Europea, e nel corso degli anni il Costruttore tedesco ha costantemente ridotto la CO2 emessa dalle proprie vetture.

“La sostenibilità ambientale è e sarà sempre un pilastro fondamentale nella nostra politica aziendale” ha commentato Martin Jahn, Responsabile Flotte Aziendali del Gruppo Volkswagen. “Il risultato di questo studio conferma quanto il Gruppo Volkswagen estenda il tema della mobilità sostenibile anche al mercato delle Flotte. Continueremo a presentare ai nostri Clienti una strategia a ridotto impatto ambientale e, in futuro, offriremo una gamma di prodotti ancora più efficienti”.

Questa analisi ha evidenziato inoltre che la compatibilità ambientale è tra i 3 principali criteri per la scelta delle vetture destinate a un parco aziendale, insieme ai consumi contenuti e alle emissioni ridotte. Il Gruppo Volkswagen risponde a queste esigenze con un’ampia gamma di prodotti. “Attualmente i nostri Clienti possono scegliere tra 235 varianti di modelli con emissioni di CO2 inferiori a 130 g/km, 127 con meno di 120 g/km di CO2 e 19 inferiori a 100 g/km”.

Nel primo semestre del 2011, in Germania, il Gruppo Volkswagen ha mantenuto la leadership in ambito Flotte, conquistando una quota di mercato pari al 47,9%.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©