Cyber, scienza e gossip / Gossip

Commenta Stampa

Intervista a Vanity Fair

Emma Marrone: "De Martino? Ero innamorata di un'idea"

E su Belen: "Fa bene, balla senza mutande. E' il suo lavoro"

Emma Marrone: 'De Martino? Ero innamorata di un'idea'
12/06/2012, 16:06

ROMA - Passata la tempesta, Emma Marrone prova a mettere ordine nella sua vita. E lo fa apertamente, anche in pubblico. Al settimanale Vanity Fair la cantante ha affidato le sue conclusioni sulla vicenda sentimentale che si è chiusa con il ballerino Stefano De Martino. Una love story spezzata dall'ingresso sulla scena (almeno così sembra) di Belen Rodriguez che, lasciati da parte Corona, i tatuaggi all'inguine e i pornoscandali, avrebbe soffiato alla cantante il fidanzato.
Ma lei se n'è fatta una ragione, stando almeno a quello che dichiara. "Era tutto nella mia testa - dice Emma Marrone a Vanity Fair - mi sono innamorata di un'idea che mi ero costruita da sola. Lui non c'entra, lui non è niente. Il problema sono io. Ero io".
Emma Marrone si toglie anche qualche sassolino dalla scarpa. Il problema, afferma, non è Stefano de Martino che l'ha lasciata per la showgirl argentina. Poi la stoccata:  "Lui non c'entra, poveretto - afferma -  Non c'entra nemmeno lei. È simpatica, è bella, fa i balletti, sta senza mutande: fa bene, è il suo lavoro. Non m'interessa per niente sapere se è tutto orchestrato o se è vero, spero che sia vero ma chissenefrega". La cantante ripercorre così anche la strada che ha percorso: "Com'è che mi sono messa a disposizione di uno così, consegnata mani e piedi? - si domanda -  Io che dicevo, dopo il tumore (all'utero, è stata operata cinque anni fa, ndr), alle ragazze: il problema nella vita non è un fidanzato stronzo, il problema è vivere, farcela, tenere la testa alta, resistere, andare avanti". Eppure, è caduta nella trappola. Di De Martino, Di Belen, ma forse anche dello star system e dei suoi giochi.
Ma di una cosa, dice, è orgogliosa: "Mi hanno offerto anche un sacco di soldi per parlare, ma non ne ho proprio voluto sapere".

Commenta Stampa
di G.B.
Riproduzione riservata ©