Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Nel 2011 più di 302 contestazioni

Energie rinnovabili:Molti Italiani non sono d'accordo

Ingombranti si, ma non si parli di inquinamento

Energie rinnovabili:Molti Italiani non sono d'accordo
15/04/2011, 15:04

Risparmiare, proteggere l’ambiente, salvaguardare il nostro pianeta, queste dovrebbero essere le parole chiave del nostro millennio, un’era consumistica e disposta a tutto pur di progredire e guadagnare. Proprio quando sembrava essere arrivato il momento di ridimensionarsi e quando si stava per giungere ad una presa di coscienza degli infiniti danni, forse irreversibili che noi stessi abbiamo causato all’ecosistema, dando largo spazio alle forme d’energia rinnovabili, sono comparsi i primi dissensi e denuncie. E bene è stato riscontrato che in Italia e in particolare nel Nord una quantità non indifferente di Italiani non appoggiano queste forme rinnovabili d’energia. Il dissenso più che fondato su di un giudizio negativo si tratterebbe di una semplice intolleranza alle “enormi strutture” che invaderebbero il loro territorio. Si tratta infatti del così detto caso NINBY ovvero Not In My Back Yard, non nel mio giardino.
Nello scorso anno sono state registrate più di 302 casi di contestazione e l’85% di queste riguardavano la costruzione di eoliche, centrali di biomassa, fotovoltaiche ed idroelettriche. Questi dati sono emersi da uno studio condotto dall’Osservatorio Media Permanente Nimby, percentuali che potrebbero ancora aumentare.
Dietro alle contestazioni ci sarebbe una paura degli effetti sul paesaggio o sull’avifauna locale, ma basta poco per capire che questo timore non ha alcun fondamento: le rinnovabili sono l’unica forma di energia che non rovinano l’ambiente e non inquinano l’aria.
Dello stesso parere è il presidente di Legambiente,Vittorio Cogliati Dezza che non ha avuto esitazioni nell’aggiungere che tutti i cittadini che contestano questo tipo di forme di energia sono gli stessi che invece appoggiano il nucleare e che a seguito del disastro giapponese sono al centro del mirino.

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©