Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

ESTATE: DALL’UE DRITTE PER UNA TINTARELLA D.O.C.


ESTATE: DALL’UE DRITTE PER UNA TINTARELLA D.O.C.
17/07/2008, 18:07

Se è vero che l’abbronzatura è amica del benessere e dell’umore, spesso rischia tuttavia di mettere in serio pericolo la salute della nostra pelle. Per prevenire scottature, colpi di calore e invecchiamento precoce, l’Ue consiglia di ricorrere ad alcune precauzioni. Ben vengano innanzitutto crema e latte solare protettivi, prestando attenzione alle indicazioni e all’etichetta. Per le creme solari di recente immesse sul mercato, infatti, è stato approvato un nuovo sistema di etichettatura standardizzata valido in tutta Europa – in virtù di un accordo stipulato nel 2007 dall’industria con la Commissione Ue - che esclude dizioni menzognere e ingannevoli del tipo “protezione totale”, “blocco totale”, o “protezione 100%” o anche “protegge dalle radiazioni Uva”. Le vecchie etichette sono ancora presenti per il 30% dei prodotti disponibili sul mercato, come rimanenze di vecchi stock e soprattutto presso alcuni punti vendita al dettaglio, ma dovrebbero scomparire del tutto “nei prossimi mesi”, secondo quanto ha affermato a Bruxelles Helen Kearns, portavoce del commissario Ue ai Consumatori Meglena Kuneva. Bisogna inoltre sapere che, superato il fattore 50, la protezione non aumenta più. Va infine ribadita, tra le regole universalmente valide per una “tintarella d.o.c., quella di evitare l’esposizione nelle ore più calde della gionata, in particolare tra le 11 e le 15.

Commenta Stampa
di Francesca Pellino
Riproduzione riservata ©