Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

Rivoluzione in USA e in Francia.Plauso delle comunità omosex

Facebook "cambia status": sì a coppie gay e Pacs


Facebook 'cambia status': sì a coppie gay e Pacs
18/02/2011, 18:02

NEW YORK – Non più soltanto “sposato”, “single” o “fidanzato”. Da oggi Facebook si apre alle unioni di fatto, di qualunque genere esse siano. L’importante novità arriva, naturalmente, dall’America dove l’interfaccia comunicativa vanta milioni di iscritti. Gli utenti del social network, al perfetto passo con i tempi, potranno registrasi anche come conviventi o addirittura con la dicitura “uniti civilmente”.  Insomma, chi vorrà potrà far sapere al Mondo il tipo di relazione che ha, senza doversi sentire “sminuito” dalla mancanza di una fede al dito. Stessa cosa avverrà in Francia, Canada, Australia e Regno Unito.
L’idea di ampliare la gamma di status su Internet è arrivata dopo la consultazione del “network di supporto”, ossia gruppi di consulenza che annoverano al proprio interno anche gay, bisex, lesbiche e trans gender. Ebbene, sono state proprio queste “categorie” a suggerire la modifica, convinte di poter in questo modo vedere riconosciuta la propria dignità sociale e sessuale almeno on-line.
Sul fronte italiano, invece, nessuna cambiamento. Almeno per il momento (e come spesso accade) il popolo di cybernauti rimarrà un passo indietro, cioè non verrà data loro la possibilità di modificare stato. Per il prossimo futuro, invece, già molti sognano i “Pacs” virtuali. Nell’attesa, e con la speranza, che tutto questo si trasformi in realtà.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©