Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

L'allarme lanciato da Sophon: così rubano le identità

Facebook: Il pulsante "non mi piace" è una trappola


Facebook: Il pulsante 'non mi piace' è una trappola
17/08/2010, 16:08

Fin da quando è stata introdotta, l'opzione "mi piace" disponibile su Facebook, è apparsa come orfana del suo alterego con il quale gli utenti avrebbero potuto indicare anche il non gradimento di un particolare elemento condiviso sul noto social network.
In tanti, infatti, hanno da subito invocato l'introduzione di un tasto "non mi piace"; una sorta di pollice verso che tra l'altro viene già utilizzato su numerosissimi siti web per giudicare negativamente commenti e contenuti proposti.
E così, alcuni programmatori, si sono inventati un vero e proprio specchietto per le allodole; inviando degli inviti per introdurre il "Dislike Button" sul proprio profilo. Cliccando sull'applicazione, però, nessun pulsante alternativo al mi piace comparirà e, gli utenti, saranno semplicemente "derubati" dei dati personali altrimenti nascosti dalle opzioni sulla gestione della privacy. Prima di procedere con la presunta installazione della nuova funzionalità spacciata per "opzione ufficiale", infatti, agli iscritti si chiede di lasciare al software la possibilità di "sbirciare" le informazioni personali e di diffonderle.
Per il momento, la truffa, gira su Fb solo in inglese e comunque non sembra prevedere ulteriori danni e noie per i pc degli incauti net-surfer (come ad esempio l'installazione di malware) ma, come ricordano giustamente gli esperti, tutti gli amanti della "creatura" di Zuckerberg devono prestare particolare attenzione quando decidono di addentrarsi nella selva inesplorata delle applicazioni scritte per facebook. Chiunque abbia un minimo di dimestichezza con i linguaggi di programmazione, infatti, può scrivere programmi dannosi e diffonderli per giorni o addirittura settimane prima di essere "beccato" dagli admin del social.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©