Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

Un esercito di fake per "spiare" gli utenti

Facebook: l'invasione dei profili fasulli


Facebook: l'invasione dei profili fasulli
20/09/2010, 20:09

Sono diversi mesi, oramai, che un vero e proprio esercito di profili fasulli (fake) infestano il più noto, amato ed odiato social network del mondo.
Su Facebook, infatti, in tanti vengono letteralmente tartassati da richieste d'amicizia provenienti da ragazze avvenenti e ragazzi "tartarugati" che però, purtroppo per i più desiderosi di contatti hot, non esistono. I fake di nuova generazione, però, sono molto più curati di quelli di precedente creazione e risultano tendenzilamente più credibili agli utenti meno esperti ed attenti. Le foto inserite nel profilo, ad esempio, sono meno patinate e non raffigurano più modelli e modelle famose ma soggetti che vengono immortalati con scatti semi-amatoriali.
Anche le informazioni, prima ridotte all'osso o inesistenti, sono invece abbastanza dettagliate: nome e cognome, istituto d'istruzione superiore ed università di riferimento, città e data di nascita e persino qualche interesse e qualche iscrizione a gruppi e pagine fan. La bachece, poi, risultano aggiornate abbastanza frequentemente con link e collegamenti a gruppi e pagine anche esterne. E proprio la tipologia d'interazione con la  bacheca (sempre pubblicamente visibile), però, che permette di riconoscere un fake da un profilo reale.
Queste "persone", infatti, solitamente si limitano a condividere sui propri profili frasi fatte e gruppi demenziali (esempio 1).

A COSA SERVONO
Ma a cosa serve un fake? Se aggiungete tra i vostri contatti un profilo fasullo, il suo proprietario, potrà monitorare le vostre "abitudini di condivisione" e, di conseguenza, i vostri interessi. Questo gli permetterà di tracciare un profilo "consumer" ideale per inviare pubblicità mirate attraverso le mail o condividere sulla propria bacheca link che potrebbero interessarvi. Senza considerare, poi, che molti di questi profili fasulli sono gestiti da hacker che si divertono semplicemente ad effettuare furti d'identità, clonazioni di profili ecc..
Insomma: prima di accettare un perfetto sconosciuto, osservate bene la sua bacheca, le foto e le informazioni contenute nel suo profilo. Se nessuno dei vostri "amici in comune" lo conosc, allora è probabile che si tratti di un fake. Attenzione: alcuni gestori di profili fittizzi rispondono alle prime mail ricevute e pubblicano messaggi di stato; salvo poi "sparire" ed ignorarvi dopo le prime battute.

Altro esempio di profilo fasullo senza le regolari condivisioni in bacheca

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©