Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

FareAmbiente: Benvenuti lancia i pannolini al mais


FareAmbiente: Benvenuti lancia i pannolini al mais
20/02/2009, 14:02


Fare Ambiente si sta attivando da qualche mese con campagne affinché la
sensibilità ambientale abbia un’accelerazione, come quella della diffusione
nell’intero territorio  italiano degli shoppers biodegradabili. L’Italia  sembra ancora
una volta in ritardo rispetto  al  raggiungimento degli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto, pertanto la nostra azione è finalizzata a  non 
attendere la normativa  comunitaria (la EN13432) che sarebbe in vigore in
Italia non  prima del 1 gennaio del 2010 per il divieto di utilizzo dei sacchetti
di plastica”. E’ quanto afferma Piergiorgio Benvenuti, Presidente del Coordinamento di Roma
Capitale e Provincia del Movimento Ecologista Europeo – Fare Ambiente. “Nel nostro Paese – prosegue Benvenuti – si producono 300 mila  tonnellate di buste di plastica all’anno, l’equivalente di 430 mila tonnellate  di petrolio e di circa 200 mila tonnellate di co2 emesse in atmosfera. In Italia  due  milioni di tonnellate  di plastica finiscono ogni anno tra i rifiuti e sono consumati non meno di 4 miliardi di sacchetti. “Ora proseguiamo nelle nostre iniziative, questa volta la campagna si chiamerà "Bimbi ed ambiente" –continua Benvenuti - e proseguiamo con un altro
dato da non sottovalutare: ogni bimbo, alla fine del terzo anno di vita, ha usato una tonnellata  di pannolini. In Italia ogni giorno vengono utilizzati almeno sei milioni di pannolini usa e getta, che in un anno corrispondono a 2 miliardi e 190 milioni di pannolini di plastica, con un impatto ambientale enorme, ed anche qui proponiamo una alternativa. La diffusione dei pannolini di
mais, gli eco-pannolini in amido di mais che costituiscono una soluzione ecologica, non danno alcun disturbo ai bambini , non irritano la pelle e sono compostabili. Al momento unico problema il prezzo, sono leggermente più cari”.
“Pertanto, Fare Ambiente – prosegue Benvenuti - ancora una volta invita  gli Enti locali ad attivarsi, magari dando un bonus ai genitori per la copertura almeno del 50% della spesa di acquisto, contribuendo alla diffusione di una cultura del rispetto per l'ambiente, partendo da prodotti utilizzati dai neonati che potranno un giorno poter dire, ho avuto attenzione all'ambiente già dai primi mesi della mia vita, grazie ai miei genitori”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©