Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Migliaia di contenuti a portata di mano e gratuiti

Federica su iTunes, Federico II primo ateneo d'Italia


.

Federica su iTunes, Federico II primo ateneo d'Italia
26/03/2010, 16:03

NAPOLI - Ad un anno dalla presentazione di Federica, lanciata dal rettore della Università degli studi Federico II Guido Trombetti, Fedrica iTunesU.
L'Università degli Studi di Napoli Federico II, è la prima università italiana a lanciare il proprio canale iTunes U, un'area dell'iTunes Store della Apple che offre contenuti audio e video delle maggiori università (www.itunes.it). "La Federico II ha scelto di combinare la sua cultura millenaria con le nuove opportunità dell'era digitale" ha detto il rettore Guido Trombetti. "La nostra università, fondata nel 1224, è tra le più antiche in Europa, e oggi si presenta come perfetto connubio di tradizione e innovazione". "Oggi, con l'apertura del servizio iTunes U, la Federico II fa un altro passo importante per parlare il linguaggio delle 'generazioni digitali'", dice Mauro Calise, direttore scientifico di Federica, web learning che garantisce accesso libero ad un'ampia selezione della ricca offerta formativa dell'Ateneo. Il canale iTunes U è stato popolato con audio-video podcasts delle 13 facoltà dell'Ateneo, con corsi di medicina, architettura, letteratura, scienza, informatica e una selezione di link e risorse scientifiche consigliate dai docenti della Federico II. La strategia di fondo che guida Federica è sempre quella dell'Open Access: risorse disponibili per tutti e su qualsiasi piattaforma o dispositivo. «Siamo convinti sostenitori del ruolo cruciale che le Università pubbliche hanno nella nostra società - continua Mauro Calise - Federica non è aperta soltanto agli iscritti della nostra università (come accade nei principali servizi di e-learning), ma a chiunque. Anche i professionisti che hanno bisogno di aggiornamento. O agli stranieri che trovano interessanti i nostri corsi. Ed è una strategia che premia: le nostre pagine sono visitate da utenti provenienti da oltre 180 paesi del mondo»

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©