Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Sono state consegnate 7 mila 318 vetture per 2,43 miliardi

Ferrari: 2012, anno da record. Cresce del 7,8% l'utile netto

Boom in Nord America: +14,6%. In Italia calo del 46%

Ferrari: 2012, anno da record. Cresce del 7,8% l'utile netto
18/02/2013, 17:54

MARANELLO (MODENA) - In un anno cominciato con tanti scandali finanziari e battute d'arresto nell'economia italiana, c'è un dato positivo dello scorso 2012. La Ferrari ha chiuso l'anno a livelli record raggiungendo un record di vendite in 66 anni di storia. Con 7 mila 318 vetture e un fatturato di 2,43 miliardi di euro, la casa di Maranello si rivela  un'eccellenza italiana in crescita nonostante la crisi. Il consiglio d'amministrazione dell'azienda, presieduto da Luca Cordero di Montezemolo, si è riunito per esaminare i dati e raccontare il successo della Ferrari. "Tutti i principali indicatori economici hanno superato i limiti stabiliti nel 2008 nonostante lo scenario economico mondialmente peggiorato - ha spiegato Montezemolo -. E' motivo di grande orgoglio per tutti noi chiudere un anno con simili risultati, pur in presenza di un contesto non certo favorevole in tanti Paesi europei, se non addirittura ostile, come nel caso dell'Italia. Il merito va alle donne e agli uomini della Ferrari, alla forza del Marchio, a una gamma innovativa e completa, a forti investimenti tecnologici e a un'espansione controllata nei mercati automobilistici mondiali".
Le auto consegnate nel 2012 sono aumentate rispetto all'anno precedente. Una vendita del 4,5% in più con un fatturato cresciuto dell'8%. La gestione ordinaria dell'azienda ha guadagnato il 12,1% della produzione annua, arrivando a 350 milioni di euro e l'utile netto della Ferrari ha sfiorato i 244 milioni, +17,8% rispetto al 2011. La casa di Maranello si conferma ai livelli delle migliori aziende del settore del lusso. Il record di vendite è sicuramente privilegiato in Nord America, dove sono state superate per la prima volta le 2 mila consegne, con un aumento del 14,6%. In Europa, la Gran Bretagna è in testa con una crescita del 20,4%, la Svizzera con +17,4% e la Germania con +8,2%. In Italia, invece, le vendite di Ferrari diminuiscono, come in altri Paesi europei. Nella penisola la Ferrari ha chiuso lo scorso anno con 318 consegne, un calo del 46% rispetto al 2011.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©