Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Fiat Autonomy partecipa per la prima volta al "Care and Rehabilitation Exposition” di Pechino


Fiat Autonomy partecipa per la prima volta al 'Care and Rehabilitation Exposition” di Pechino
16/11/2012, 17:53

Fiat presenta, per la prima volta in Cina, la sua tecnologia per la mobilità delle persone con disabilità all'edizione 2012 della "Care and Rehabilitation Exposition", che si tiene a Pechino, in Cina dal 15 al 17 Novembre. Il 2007 è stato l'anno della prima esposizione, che si è poi rapidamente evoluta in un evento all'avanguardia nell'industria di settore; l'esposizione si focalizza sulla scoperta e lo sviluppo di nuove soluzioni per l'assistenza ai disabili cinesi nella vita quotidiana. Oltre 240 espositori, provenienti da 16 paesi differenti, hanno confermato la loro presenza alla Expo 2012, con uno spazio di oltre 11.000 metri quadri a disposizione dei partecipanti. L'evento è sponsorizzato dal China National AgeingCommittee (Comitato Nazionale cinese per l'anzianità) e dalla China DisabledPersons' Federation (Federazione cinese per la persona disabile), oltre ad avere il forte sostegno del Ministero della Salute ed altri dieci tra i principali Ministeri cinesi. La "Care and Rehabilitation Exposition" è il principale appuntamento in Cina dedicato alla cura e la riabilitazione.

 

Fiat, in collaborazione con IGIS (Gruppo Italiano Soluzioni Innovative), ha messo in esposizione la sua gamma di prodotti tecnologici dedicati. Fiat presenta la Viaggio appositamente adattata per consentire la guida a persone con abilità motorie ridotte. Sullo  stand di IGIS è presente anche un simulatore di guida, l'MG2F, sviluppato dal programma Fiat Autonomy in collaborazione con un'azienda italiana, che permette di misurare le forze residue dei potenziali clienti disabili; tali risultati permetteranno a Fiat di creare un modello " su misura" per soddisfare i bisogni e le necessità dei diversi guidatori.

 

La Fiat Viaggio è la prima automobile ad essere prodotta in Cina dalla joint-venture tra Fiat e GAC (Guangzhou Automobile Group). Questa collaborazione al 50% ha permesso di sviluppare e costruire un nuovo stabilimento di classe mondiale a Changsha, dove la Viaggio è costruita, nella prima fase, con una capacità produttiva di 140.000 veicoli l'anno. La Viaggio è stata lanciata sul mercato cinese il 13 settembre scorso ed ha già ottenuto un buon riscontro, grazie agli alti livelli di tecnologia, al design distintivo e allo spazio interno ai vertici della categoria.

 

La Viaggio in esposizione è stata modificata in Cina utilizzando la tecnologia Autonomy sviluppata da Fiat, ed è equipaggiata con un acceleratore elettronico posto dietro al volante, un sistema di frenata e comandi multifunzione al volante, che facilitano la guida.

 

Sin dal 1995, quando istituì il suo programma Autonomy, Fiat è stata all'avanguardia nello sviluppo delle tecnologie per guidatori disabili. Fiat ha creato Centri per la mobilità in tutti i maggiori mercati nel mondo, allo scopo di assistere i guidatori con disabilità nelle loro necessità alla guida. Ogni Centro per la mobilità possiede uno staff di medici specializzati e professionisti del settore automobilistico, capaci di valutare i bisogni del guidatore in base alla sua condizione fisica; grazie ai simulatori di guida viene testata l'abilità dei guidatori oltre ad esami fisici che controllano, ad esempio, la destrezza degli arti o le capacità visive. Grazie a questi risultati, Fiat può suggerire i veicoli e le migliorie che potrebbero maggiormente adattarsi alle loro esigenze nella vita di tutti i giorni. I Centri per la mobilità offrono consulenze gratuite ai guidatori disabili e, inoltre, assistenza stradale in caso di problemi tecnici con le loro auto. Oggi l'intera gamma di veicoli  Fiat Lancia, Alfa Romeo, Abarth, Jeep e Fiat Professional può essere allestita seguendo i criteri sviluppati da Fiat Autonomy.

 

Negli ultimi dieci anni, Fiat ha venduto oltre 107.800 automobili nei mercati europeo e brasiliano grazie al programma Autonomy, e il 2009 è stato l'anno record con più di 21.600 auto vendute.

 

È ferma convinzione di Fiat che garantire mobilità a tutti non sia solo un obiettivo morale e civile di primaria importanza, ma anche un traguardo da raggiungere per cui l'intera comunità deve lottare, una pietra miliare per la crescita economica e culturale della società moderna. Per questa ragione, Fiat ha a lungo dedicato tempo ed energie nel conseguire quello che, in questo settore, deve essere il dovere specifico di un produttore di automobili: nella fattispecie, progettare e realizzare soluzioni tecniche in grado di offrire a tutti la possibilità di utilizzare ogni tipo di veicolo, che si tratti di un veicolo privato o pubblico, senza nessuna limitazione.

 

In base al censimento della popolazione cinese per l'anno 2010, circa il 6,34% (pari a circa 83 milioni di persone) soffre di un genere di menomazione o disabilità il che, considerando la vasta popolazione cinese, è un numero enorme di individui che necessita di aiuto specifico nelle attività quotidiane. L'introduzione di nuove tecnologie nel mercato cinese, la creazione di collaborazioni e consorzi, come quello tra IGIS e Fiat, permetteranno alle persone con disabilità di guidare il proprio veicolo in autonomia, migliorando di conseguenza la loro qualità di vita. Fiat, inoltre, sta attualmente valutando la fattibilità e la metodologia necessarie all'apertura di Centri Fiat Autonomy nel mercato cinese.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©