Cyber, scienza e gossip / Religione

Commenta Stampa

Forum delle famiglie: "Il cardinale Bagnasco torna a levare il grido d'allarme suo e della Chiesa "


Forum delle famiglie: 'Il cardinale Bagnasco torna a levare il grido d'allarme suo e della Chiesa '
25/09/2012, 13:20

«Il cardinale Bagnasco torna a levare il grido d'allarme suo e della Chiesa alla volta del governo e della politica nel suo insieme» dice Francesco Belletti, presidente del Forum. «Ci ricorda che non è più il tempo delle soluzioni "facili" o addirittura "propagandistiche", e che tutti devono essere pronti a fare la propria parte. Le famiglie lo sono e la fanno da sempre. Ma Bagnasco con voce potente, alla quale associamo anche la nostra, ricorda che a nessuno può essere concesso di sviare l'attenzione dai bisogni delle famiglie reali, cioè della base sociale del nostro Paese, per promuovere bisogni fittizi e diritti inesistenti.

«Nonostante l'urgenza e la gravità, le parole del card. Bagnasco si collocano in uno scenario di speranza, perché  "vogliamo essere gli araldi del Vangelo, e dunque della speranza". Nonostante tutto, prosegue il presidente dei vescovi italiani «La famiglia è fondamento affidabile della coesione sociale, baluardo di resistenza rispetto alle tendenze disgregatrici, vincolo di coesione tra generazioni". E noi aggiungiamo anche che è motore dell'economia e vero, unico, ammortizzatore sociale. Compiti faticosi che le famiglie da sempre hanno assunto su di loro ma che devono essere bilanciati da quel "favor familiae" tracciato dalla Costituzione e ignorato dalle Istituzioni.

«E qui non c'entra niente l'antropologia cristiana. Non ci sono fedi e ateismi che si scontrano. C'è solo una laicissima visione del mondo per la quale non ci sono diritti senza doveri e doveri senza diritti. 

«E laicissimi principi» conclude Belletti «sono anche quelli della giustizia e della democrazia che vengono messi in discussione quando si tenta di introdurre a livello amministrativo nuove definizioni di famiglia, come nel caso dei registri comunali delle unioni civili, indebolendo così la stretta relazione tra famiglia e impegno pubblico del matrimonio, che invece la nostra Costituzione afferma con forza (nell'art. 29); oppure come nel caso del FineVita, quando si blocca l'iter di una legge già approvata da Camera e Senato con maggioranze larghissime e trasversali, e la si chiude nel cassetto, sulla soglia della sua approvazione definitiva, perché c'è sempre qualche avanguardia culturale che si illude di poter dettare le condizioni del vivere comune».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©