Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Ma si tratta di operazioni pericolose o inutili

Francia: troppe operazioni per l'allungamento del pene


Francia: troppe operazioni per l'allungamento del pene
21/10/2011, 19:10

PARIGI (FRANCIA) - L'Accademia di chirurgia transalpina lancia l'allarme: sono troppi i francesi che ogni anno chiedono di sottoporsi ad operazioni per l'allungamento del pene. E la maggior parte non ne avrebbe assolutamente bisogno, in quanto ha dimensioni perfettamente nella norma.
Il problema è come al solito di insicurezza psicologica, che è la vera malattia dei nostri giorni: a fronte di certi modelli (o quanto meno di certi ritenuti modelli) ci si sente inadeguati e quindi si chiede aiuto a chiunque possa aiutare; compreso il chirurgo estetico, in questo caso.
Per di più, si tratta di un genere di operazione chirurgica abbastanza pericoloso. Infatti l'uso di silicone o di vaselina rischia di provocare sterilità, alterando la produzione e gli spostamenti degli spermatozoi; l'uso di grasso autologo (che qualche anno fa era visto come la soluzione salvifica) è praticamente inutile, dato che in un periodo di tempo più o meno lungo, lo stesso viene assorbito dall'organismo.
Purtroppo, è una questione di natura, a decidere a ciascuno di noi cosa tocca, se Pollicino o un boa. Ma la stragrande maggioranza è nella norma: dai 9 centimetri a riposo (da misurarsi dalla base, non dall'alto) ai 14,5 in erezione come lunghezza; per una circonferenza da 8,5 centimetri a riposo a 10,5 in erezione. Ma sono poche le donne che, come la Justine del Marchese de Sade, arrivando a Napoli dice che "non prenderà nulla sotto gli otto pollici (un po' più di 20 centimetri, ndr) di circonferenza su otto di lunghezza"; le più vogliono solo essere amate dalla persona che amano.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©