Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Dati allarmanti: maschi e femmine fumano allo stesso modo

Fumo, donne schiave del tabacco


Fumo, donne schiave del tabacco
01/06/2010, 16:06

ROMA- Aumentato vertiginosamente il consumo di sigarette tra le donne. L’allarme è stato lanciato oggi, Giornata Mondiale senza il tabacco: le fumatrici sono quota 5,2 milioni, pari al 19,7%. I maschi raggiungono i 5,9 milioni, il 23,9%.  Il presidente dell’Iss, Enrico Garaci, al XII convegno nazionale tabagismo ha commentato sconsolato: “È la prima volta che le donne e gli uomini fumano quasi allo stesso modo. Purtroppo non è un bel risultato”. In tutto il Mondo, circa il 7% delle adolescenti è dipendente dalle sigarette, contro il 12% dei maschi, in alcuni paesi la differenza è ormai minima. Una vera e propria piaga sociale, difficile da debellare. Il vizio, infatti, non si perde neanche durante la gravidanza e nel puerperio. Così il Movimento italiano genitori (Moige) ha promosso la campagna di informazione e sensibilizzazione “Se fumi, lui filtra”. Che significa: sostanze cancerogene come nicotina, catrame e monossido di carbonio sono assorbite dal feto durante la gravidanza e durante l’allattamento e aumentano il rischio di morte improvvisa in culla ed espongono il bambino a gravi malattie respiratorie come bronchiti, polmoniti, asma e otiti.
Anche l’età meda della prima sigaretta si è abbassata, passando dai 17 anni a 11. Il senatore del Pdl Stefano De Lillo ha, pertanto, chiesto di innalzare da 16 a 18 anni il limite di età per l’acquisto e il consumo di tabacco e di vietare il fumo anche nelle strutture scolastiche.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©