Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Genuine Chopp, la moto napoletana dall'anima americana


Genuine Chopp, la moto napoletana dall'anima americana
18/02/2010, 17:02

Al Motor Bike Expò di Verona la Genuine Chopp, due ruote realizzata all’ombra del Vesuvio, ha vinto il premio Dealer. La Genuine Chopp nasce dall’intuizione di Giovanni Borrelli, da anni uomo simbolo dell’Harley Davidson a Napoli, e conosciuto nell’ambiente con il soprannome di “Crazy Jhonny”: “Mi trovavo a Los Angeles – racconta – ospite di un amico che gestisce un’officina d’auto. Mentre ammiravo gli interni di un auto Soocal, mi è nata l’idea di trasportare il gusto classico e country di quella vettura su una moto. Appena tornato in Italia, ho trascorso intere settimane a disegnare, alla ricerca di una linea che riuscisse nell’intento di essere il più fedele agli stilemi minimalisti della Soocal. Solo che dovevo farlo con due ruote in meno….e dopo aver realizzato la bozza, è venuto il bello. Non ho voluto far mancare il carattere tipico delle Harley Davidson, e così ho deciso che il suo cuore sarebbe stato un motore Genuine Hd di 1340 cc.. Il nome, inoltre, sta ad indicare proprio il fatto che non ho perso di vista la filosofia originale dei chopper di Milwaukee. Il telaio è un modello Santee prodotto dalla Chica, e sempre della casa americana sono i cerchi. Questi hanno come copri mozzi delle manopole d’origine nautica. Il serbatoio è realizzato artigianalmente partendo da quello che equipaggia l’Electra Glide. A far respirare il motore ci pensa un filtro Speedline della Crime Scene. I colori non sono stati scelti a caso, perché sono il bianco e rosso dell’auto che mi è stata da musa ispiratrice. Dalla bozza alla realizzazione completa sono trascorsi 13 mesi, e fondamentale è stato l’aiuto di Gennaro Aversano, Benedetto Fontana, e Antonio Tessitore. Questi ragazzi prima ancora d’essere degli autentici maghi nel loro settore, sono degli appassionati di moto custom, e questo mi è stato d’aiuto per far sì che la Genuine Chopp potesse circolare sulle comuni strade”. Per Giovanni Borrelli, quello del Motor Bike Expò non è il primo premio che gratifica il suo estro creativo. Nel 2002 a Padova, in occasione del Bike Expò, una sua moto raccolse i consensi dei giudici, e Crazy Jhonny vuole continuare a stupire con creazioni originali, ma fedeli allo spirito Harley on the road: “In mente – svela – già ho disegnata la prossima moto. Come sempre tutto ruoterà attorno al bicilindrico alettato Made in Usa. Spero di realizzarla entro la fine dell’anno, in modo da poterla esporla alla prossima edizione del Motor Bike Expò”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©