Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Giornata Internazionale delle Zone Umide


Giornata Internazionale delle Zone Umide
02/02/2012, 09:02

Anche quest’anno la Riserva Naturale “Cratere degli Astroni” celebra la Giornata Internazionale delle zone umide, ecosistemi straordinariamente ricchi di biodiversità, in grado di catturare ingenti quantità di anidride carbonica, ma che rischiano di scomparire a causa dell’effetto serra, dell’inquinamento e delle trasformazioni del territorio operate dall'uomo. Le zone umide ospitano una miriade di organismi acquatici e tra questi moltissime specie di uccelli, come fenicotteri, aironi, anatre, falchi di palude e tanti altri. Non va dimenticato, inoltre, l’importantissimo ruolo che esse rivestono per la conservazione degli stock ittici e dei bacini di acqua dolce, da cui dipende in tutto il mondo la sopravvivenza di ampie fasce di popolazioni umane.


Domenica 5 febbraio, presso la Riserva Naturale “Cratere degli Astroni”, si terrà il mini-corso “Ornitologi in erba!”, a cura dell’Associazione Ardea, nel corso del quale verranno spiegati i principi fondamentali del “bird watching”, la tecnica per l’osservazione e il riconoscimento delle specie ornitichee.

Il corso è articolato in una lezione in aula, con videoproiezione, ed un’escursione guidata al Lago Grande, e sarà tenuto dal dott. Rosario Balestrieri, inanellatore ISPRA, che illustrerà l’importanza delle zone umide, descriverà le più comuni specie di uccelli acquatici ed i loro adattamenti all'ambiente idrico e le principali tecniche di osservazione e monitoraggio.

Ai partecipanti del corso sarà distribuito un binocolo per effettuare il bird watching sul Lago Grande, dove sarà allestita una postazione di osservazione con un cannocchiale. Il corso è a numero chiuso, per non più di 20 persone.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©