Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Giornata Mondiale del Rene, un camper a Sant'Anastasia


Giornata Mondiale del Rene, un camper a Sant'Anastasia
10/03/2010, 13:03


SANT'ANASTASIA - Anche a Sant’Anastasia un camper per la Giornata Mondiale del Rene 2010 in Piazza Madonna dell’Arco, dalle ore 9:00 alle ore 19:00 di giovedì 11 marzo. L’iniziativa, accolta dal Commissario Straordinario, dott. Gioacchino Ferrer, è stata patrocinata dall’Ente Locale per l’importanza sociale e gli intenti di prevenire una patologia che incide pesantemente sulla qualità della vita. “Avendo quotidianamente contatti con pazienti che hanno perduto, per malattia, la funzione dei loro reni – essendo quindi costretti a vivere schiavi di una macchina, il rene artificiale (“dialisi”), nella speranza spesso vana di un trapianto renale – alcuni Nefrologi hanno deciso di impegnarsi a fondo nella prevenzione dei danni renali. Hanno creato allora – dice la dott.ssa Diana Novizio - la Fondazione Italiana del Rene (FIR), che dopo avere avuto il riconoscimento di personalità giuridica e l’inserimento nell’elenco Onlus, si sta impegnando nell’opera di prevenzione delle malattie renali. Della Fondazione fanno parte Medici Nefrologi, Infermieri, Dietisti, Psicologi, Pazienti in trattamento con rene artificiale, Pazienti trapiantati e loro familiari. Del Comitato dei Garanti fanno parte Rettori di Università, Presidi di Facoltà di Medicina, Professori Universitari di Medicina e di Giurisprudenza, Magistrati ed ex Presidenti di Tribunale. Un’adeguata prevenzione delle malattie renali si realizza con il precoce riconoscimento dei primi segni: l’ipertensione e la proteinuria. Sono ambedue fattori che danneggiano gravemente i reni senza dare disturbi e passando per questo inosservati. Eppure oggi siamo in grado di correggere entrambi, prevenendo il danno renale irreversibile, purché vengano riconosciuti per tempo. Con il camper in piazza vogliamo proprio donare alla popolazione questo servizio di misurazione della pressione ed analisi delle urine”. La Fondazione Italiana del Rene Onlus si è impegnata da subito a realizzare una campagna di prevenzione e informazione sulle malattie renali e a tale scopo pubblica anche una newsletter, FIR Notizie, che ha il fine di esortare al controllo e alla ricerca dei primi sintomi di tali patologie. Tuttavia chi si sente bene non pensa neanche lontanamente alla possibilità di ammalarsi e a recarsi dal medico per un controllo preventivo. Per questo è stato avviato, per la prima volta in Italia cinque anni fa, il progetto PREVENZIONE DELLE MALATTIE RENALI, in collaborazione con la Società Italiana di Nefrologia (SIN) e con la Croce Rossa Italiana (CRI). Il progetto prevede, la presenza in una delle principali piazze di ogni singola città di una postazione Fir (Camper gentilmente messo a disposizione dall’Avis e con servizi igienici) all’interno del quale, in spazi che consentono l’assoluto rispetto della privacy, personale medico specializzato sarà disponibile GRATUITAMENTE ad effettuare il controllo della pressione arteriosa e l’esame per il controllo dell’eventuale presenza di proteine e/o zucchero su un campione di urine raccolte al momento. Ai soggetti esaminati sarà rilasciata una scheda riportante i risultati degli esami e coloro ai quali saranno riscontrate ipertensione arteriosa e/o proteinuria e/o zucchero saranno invitati a presentarsi poi nell’ambulatorio delle UO di Nefrologia per un approfondimento diagnostico. Si renderà così possibile una diagnosi precoce della patologia ed un eventuale adeguato ed efficace trattamento.
La Fondazione Italiana del Rene Onlus ha già raccolto i finanziamenti necessari alla realizzazione dell’iniziativa e alla promozione della campagna sui media, così da informare i cittadini della possibilità che viene loro offerta. Il Presidente della Repubblica, apprezzando l’iniziativa della FIR Onlus, ha assegnato alla FIR Onlus una Targa d’argento ed ogni anno concede il suo alto Patronato per il progetto Prevenzione delle Malattie Renali.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©