Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Guarda l'autopsia su un presunto feto abortito

Giovanna, la donna che ha avuto 18 gravidanze aliene



Giovanna, la donna che ha avuto 18 gravidanze aliene
14/07/2009, 00:07

Recentemente ‘Mistero’, il programma di Enrico Ruggeri, si è occupato di un caso abbastanza particolare: una donna che è stata rapita dagli alieni e ingravidata per ben diciotto volte. Ovviamente il tutto corredato di prove, perché è ovvio che nessuno crederebbe a baggianate del genere senza nemmeno uno straccio di prova. In un bel preambolo, la donna in questione spiega la storia, partendo da quando, al primo rapimento, non ricordando cosa fosse successo, è stata anche rimproverata dal padre che credeva fosse uscita con un ragazzo. La realtà era però ben diversa, s’intende. E la signorina lo spiega poco più avanti: erano stati gli alieni. Arrivavano e la rapivano perché, benché avanzati tecnologicamente, hanno danneggiato “la propria sfera riproduttiva” e quindi hanno bisogno di un’altra razza che faccia nascere i loro figli. L’unica razza biocompatibile, manco a farlo apposta, è quella degli esseri umani. Innanzitutto questi alieni sono capaci di rendersi invisibili. Possiamo, dice la signora, averli in camera senza accorgercene. Piuttosto invadenti.

A questo punto chiunque si chiederebbe quand’è che si deve ridere. Il buon Ruggeri chiede delle prove, e la signora non si fa certo pregare: ha delle foto e dei filmati anche se, premette, sa bene che uno scettico potrebbe contestarle parlando di manipolazioni al computer. E non serve nemmeno il parere del suo ginecologo, che le parla di gravidanza isterica: il feto non si vede perché sono loro, gli alieni, che riescono a nasconderlo. Per poi portarlo via una volta pronto. Senza che la signora se n’accorga, s’intende. Ma il pezzo forte viene adesso: una fotografia di un feto abortito. E’ quella che vedete in alto a sinistra. E non azzardatevi a dire che è troppo somigliante ad un coniglio scuoiato: sareste soltanto degli scettici.
 

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©