Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Giudici: no a figlio da uomo in coma


Giudici: no a figlio da uomo in coma
03/06/2009, 22:06

Non usa mezzi termini Severino Antinori, il ginecologo che, a febbraio, aveva prelevato del liquido seminale da un uomo in coma perché potesse avere un figlio con la moglie tramite la procreazione medicalmente assistita (Pma). Il tribunale di Vigevano ha respinto la richiesta della coppia di accedere alla Pma, motivando la decisione col fatto che non sarebbe possibile ricostruire le volontà dell’uomo in coma e capire, quindi, se effettivamente volesse un figlio. Una sentenza, per Antinori, “sconcertante, talebana e religiosa”. Il ginecologo, presidente della Società mondiale di medicina della riproduzione, contesta la decisione dei giudici ribadendo che l’uomo aveva in diverse occasioni manifestato l’intenzione di avere un figlio a diverse persone e, inoltre, in passato la coppia si era rivolta ad uno specialista proprio perché non riusciva a procreare.
 

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©