Cyber, scienza e gossip / Religione

Commenta Stampa

E' partita la due giorni per raccogliere testimonianze

Gli “amici dei poveri”, a S. Lorenzo Maggiore


.

Gli “amici dei poveri”, a S. Lorenzo Maggiore
16/06/2012, 12:06

NAPOLI - Amici dei poveri, associazioni, gruppi di volontariato, realtà ecclesiali c’erano davvero tutti nella Basilica di San Lorenzo Maggiore questa mattina per il primo appuntamento di una due giorni, ricca di eventi, dedicata a chi è meno fortunato dal titolo “Chiesa di tutti e particolarmente dei poveri”.
Si sono incontrati per raccogliere gli uni la testimonianza degli altri, dare voce alle inquietudini e ai problemi delle persone, soprattutto dei poveri.
Dopo l'esperienza del convegno del giugno 2011 "Il Dono e la Speranza", quest'anno l'incontro si arricchisce di un significato ulteriore: il 50° anniversario dell’inizio del Concilio Vaticano II. Il titolo dell’evento è stato scelto a partire dalla parole di papa Giovanni che prima dell’inizio del Concilio disse: “Chiesa di tutti e particolarmente dei poveri”, appunto. Il Concilio ebbe questo sogno che può aiutare anche oggi, in un tempo di profonda crisi, a vivere senza paura e senza cedere al pessimismo con cui tanti guardano il presente e il futuro.
L'incontro di Napoli vuole riaffermare che i cristiani non si rassegnano davanti alla complessità e alle difficoltà del tempo presente ma vivono quella “chiesa di tutti e particolarmente dei poveri”, che il beato Giovanni XXIII auspicava nel Concilio.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©