Cyber, scienza e gossip / Gossip

Commenta Stampa

L’ex velina protagonista di un divertente spot pubblicitario

Gli olandesi snobbano la Canalis. “Un materasso è più attraente”


Gli olandesi snobbano la Canalis. “Un materasso è più attraente”
14/03/2012, 20:03

È molto comune per le star girare spot all’estero. L’ex velina Elisabetta Canalis non voleva esser da meno e così è volata in Olanda dove ha girato uno spot pubblicitario per un materasso. Nel video pubblicitario si vede la Canalis che scappa da alcuni paparazzi e si infila in un taxi già occupato da un uomo. I due si guardano e quando la donna deve scendere in realtà tentenna: torna indietro, apre di nuovo la portiera. Si intuisce che vuole conoscere meglio il tizio. La coppia va a pranzo fuori, Elisabetta ride di gusto e sembra chiaro che la serata finirà in casa della donna.
La camera da letto offre una vista romantica sulla piscina e mentre il fortunato ragazzo aspetta la seduttrice, si siede sul letto. Elisabetta, arriva, con sguardo seducente, ma il ragazzo a questo punto ha testato che il materasso non è di suo gradimento per cui si alza e se ne va. Meglio dormire nel suo letto comodo che trascorrere la nottata con una bella donna. Nello spot Elisabetta è muta come un pesce, ma in compenso interpreta il ruolo non senza un pizzico d’ironia.
“Per fortuna non siamo nella realtà”- avrà pensato Elisabetta, d’accordo con i milioni di uomini che sarebbero voluti essere al posto di quell’olandese un po’ imbranato. L’ex velina, diventata celebre a livello internazionale grazie alla relazione con George Clooney, continua ad indossare i panni della testimonial per numerosi marchi nel mondo come quello della Pantene; oltre che per la sua bellezza, la Canalis sembra essere molto apprezzata per l’autoironia, dimostrata in molti tweet e foto simpatiche, e ora in questo spot. E mentre qualcuno parla di “umiliazione” della diva per essere stata snobbata così da un uomo, c’è chi sul web simpaticamente scherza: “Sono gli olandesi che fanno la figura degli impotenti!”.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©