Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

GLI UOMINI SCOPRONO TRADIMENTO MEGLIO DELLE DONNE


GLI UOMINI SCOPRONO TRADIMENTO MEGLIO DELLE DONNE
06/12/2008, 14:12

 

Gli appartenenti al sesso maschile sono considerati da sempre più inclini al tradimento rispetto alle donne, ma ora si scopre che hanno anche una capacità di intuire se sono stati traditi superiore a quella delle loro compagne. Una ricerca condotta dalla Virginia Commonwealth University di Richmond (Usa), citata sul famoso periodico inglese “The Independent” e pubblicata su “Human Nature”, ha messo in luce che gli uomini nutrono spesso dubbi quasi ossessivi di essere traditi dalle proprie donne e, rispetto ad esse, si dimostrano più capaci di scoprire se hanno le “corna”.
Questa propensione al sospetto continuo d'essere traditi rende gli uomini più capaci di scoprire l'infedeltà subita: che dipenda da una paranoia o da una proiezione di propri comportamenti poco fedeli, è un fatto che se una donna tradisce viene scoperta nel 94% dei casi. L'indagine americana, infatti, ha esaminato un campione di 200 coppie eterosessuali, chiedendo loro di compilare un questionario dove bisognava riportare i tradimenti perpetrati ai danni del proprio partner e quelli temuti o sospettati da parte sua. I dati emersi hanno confermato che gli uomini sono più infedeli delle donne, con rispettive percentuali d'infedeltà del 29 e del 18,5%, ma hanno anche chiaramente indicato che gli uomini intuivano un reale tradimento delle loro fidanzate o mogli nel 94% dei casi, contro l'80% degli effettivi tradimenti maschili intuiti dalle donne. Volendo analizzare questi elementi statistici e volendo dar loro una chiave di lettura logica, bisogna ricorrere ai meccanismi instaurati dal processo evolutivo: gli uomini sono più sospettosi, anche quando la propria amata è del tutto fedele e devota, perchè si portano dietro il timore atavico di non essere i veri padri dei propri figli e quindi di non aver procreato tramandando il proprio patrimonio genetico.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©