Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

Il diritto d'autore va rivisto

Google, Antitrust chiude istruttoria

Presto nuove norme in materia di editoria

Google, Antitrust chiude istruttoria
17/01/2011, 22:01

L’Antitrust ha deciso di chiudere l'istruttoria a carico di Google per possibile abuso di posizione dominante, accettando e rendendo vincolanti gli impegni presentati dal motore di ricerca. Questo passaggio ''premia l'attitudine cooperativa mostrata dalla societa' nei confronti dell'Autorita'''. A dirlo e' Mario Siragusa, il legale che ha seguito la procedura per conto di Google, il quale sottolinea che gli impegni, ''gia' implementati, anche se formalmente riferiti al mercato italiano, hanno un impatto globale''. ''Fin dall'apertura della procedura - sottolinea Siragusa - ritenevamo che non ci fossero le basi per una violazione delle norme. Tuttavia abbiamo utilizzato questa occasione per migliorare i nostri servizi all'utenza. In primo luogo, abbiamo aggiunto un meccanismo automatico grazie al quale gli editori possono scegliere di uscire da 'Google News', magari escludendo anche soltanto il testo di un articolo o una fotografia, pur rimanendo su 'Google Search', cioe' sul motore di ricerca generale, e possono farlo direttamente on line, senza rivolgersi al desk di Google come accadeva prima. In secondo luogo, abbiamo migliorato il sistema di informativa sulla percentuale di ricavi pagati agli editori che aderiscono ad AdSense. ''Dal punto di vista della concorrenza la situazione puo' dirsi chiusa'', conclude, ''molto soddisfatto'', il legale di Google, rilevando che ''gli obblighi, peraltro attivi gia' da tempo, dal punto di vista formale riguardano l'Italia, ma hanno di fatto un impatto globale perche' si applicano in tutto il mondo''.
''L'authority, avvalendosi dei poteri che le sono attribuiti dalla legge, ha accettato, rendendoli vincolanti, gli impegni assunti da Google nei confronti degli editori'', sottolinea Gentiloni responsabile Forum Comunicazione del Partito Democratico che aggiunge: ''Sulla base di questi impegni gli editori potranno decidere quali notizie includere, o eventualmente escludere, dal motore di ricerca e beneficeranno di maggiore trasparenza nella attribuzione dei ricavi pubblicitari legati al sistema AdSense''. ''Non esistono, naturalmente, soluzioni domestiche a quello che e' un gigantesco problema globale, - conclude Gentiloni - ma gli impegni presi da Google in Italia vanno nella direzione giusta e mettono il Parlamento di fronte all'esigenza di un aggiornamento complessivo della normativa sul diritto di autore''.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©