Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

Il motore di ricerca potrebbe diventare il nuovo dr House

Google e le nuove frontiere sulle diagnosi mediche

In Australia su 26 casi, 15 hanno ottenuto una risposta

Google e le nuove frontiere sulle diagnosi mediche
06/02/2012, 18:02

CANBERRA - La Rete è dappertutto. Questo è l’assioma della nuova era tecnologica. Google è uno dei motori di ricerca più famosi al mondo e non c’è applicazione che sfugga all’azienda di Mountain View. A breve potrebbe arrivare una nuova opzione Google, la diagnosi delle malattie. Un po’ come dr House senza bastone e senza camice, la nuova branca di Google potrebbe aiutare la medicina e soccorrere gli internauti per capire qualcosa in più dei sintomi avvertiti.
Non sarà mai possibile sostituire il medico, ma una prima indagine potrebbe avvenire attraverso il mezzo informatico. Già lo hanno sperimentato alcuni ricercatori australiani che hanno inserito su Google i sintomi di 26 casi difficili e in 15 occasioni il motore di ricerca ha indovinato la diagnosi. Non erano neanche malattie tanto comuni, c’era per esempio il morbo di Creutzfeldt-Jakob, la sindrome di Cushing e il disturbo auto-immune di Churg-Strauss. Gli scienziati del Princess Alexandra Hospital di Brisbane, nello stato australiano di Queensland, hanno pubblicato la loro ricerca sul British Medical Journal. Per ogni caso sono state usate da tre a cinque parole chiave inserite poi nel motore di ricerca. Hanno registrato le tre diagnosi più probabili emerse dalla ricerca e alla fine hanno scelto quella che sembrava più corrispondente ai sintomi del paziente.
Intanto, è nato un gruppo italiano su Facebook, semi-serio, che sta iniziando a commentare la novità di Google. Il titolo del gruppo è "Elaborare diagnosi tramite Google e sentirsi dei luminari" e conta per ora 556 'mi piace'.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©