Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

Anche youtube coinvolto nell'operazione

Google e Twitter aggirano la censura del governo egiziano

Le piattaforme creano particolare "segreteria telefonica"

Google e Twitter aggirano la censura del governo egiziano
01/02/2011, 20:02

NAPOLI - Il governo di Hosni Mubarack chiude i "rubinetti" di internet ed impedisce ai cittadini egiziani di utilizzare i social media? L'accordo appena concluso tra Google e Twitter si propone di aggirare il problema fornendo una "segreteria telefonica" appositamente progettata che permette di inviare i famosi "cinguetti" senza ulitizzare una connessione web.
Grazie al khow how ottenuto con il recente acquisto della startup specializzata in servizi di voice messaging SayNow e agli ingegneri di Twitter, da Montain View sono infatti riusciti ad escogitare un metodo che permettere ai manifestanti di aggiornare il resto del mondo utilizzando una connessione voce.
Il funzionamento è semplice: basta scegliere uno dei tre numeri internazionali messi a disposizione da Google, telefonare e lasciare il proprio tweet attraverso un messaggio vocale. Il sofisticato ma semplice software provvede poi a convertire la voce in tweet, utilizzando l'hashtag #egypt. Per l'operazione, naturalmente, non sarà necessario l'acceso al web e, i messaggi degli utenti, potranno essere ascoltati telefonando ai suddetti numeri. Per chi può collegarsi, invece, basterà visitare il link twitter.com/speak2tweet.
Certo il servizio offerto rappresenta un "arrangiamento" momentaneo ma è comunque molto utile e, soprattutto, simbolico. Alla politica "eversiva" di Google e Twitter ha voluto aderire anche Youtube; evidenziando nella propria home tutti i video che raccontano la situazione egiziana. In questo modo, come intuibile, si aiutano le immagini a fare il giro del mondo in maniera più rapida ed efficace e ad arrivare laddove la censura del Rais non vorrebbe e non permetterebbe

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©