Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

A confermarlo è il Wall Street Journal

Google, pronto il nuovo app store per la vendità software


Google, pronto il nuovo app store per la vendità software
02/02/2010, 20:02

Che la potenza di Google fosse senza eguali lo sapevano un po' tutti, ma che i progetti commerciali del colosso statunitense prevedessero certe "avventure" probabilmente se lo immaginavano in pochi.
A quanto si legge sull'edizione odierna del Wall Street Journal, infatti, BigG avrebbe nel calderone un progetto nuovo volto alla creazione di un web-store pensato appositamente per lo sviluppo e la vendita di applicazioni concepite per un'utenza professionale. Del resto, il successo delle google apps, è già praticamente globale e, per tale motivo, l'azienda americana tra le più potenti al mondo avrebbe pensato di allargare l'offerta dei programmi già disponibili nel suo negozio virtuale; affidandosi a terze parti.
Per i programmatori che svilupperanno gli add-on previste delle percentuali di guadagno in base al successo riscosso dei loro software. Per fare un esempio pratico, si potrebbero acquistare estensioni per google maps da uno sviluppatore esterno al gruppo ma collegato attraverso un modello di revenue sharing al mega motore di ricerca (cosa che tra l'altro già avviene in forma praticamente identica sull'App Store e il Marketplace per Android). Dagli smartphone al marketing on-line senza alcun limite dunque. La notizia per ora non è stata smentita né confermata ma l'ipotesi prospettata dal WsJ sembra più che plausibile dato anche che, in effetti, esiste già un progetto simile chiamato Solutions Marketplace. Il punto è che, su solutions marketplace, il mercato della compravendita delle applicazioni stenta ancora a decollare. La nuova soluzione accennata dovrebbe favorire una maggiore interazione tra "consumer" e "producer"; incrementando di conseguenza le transazioni di vendita e di acquisto dei prodotti sviluppati dalle diverse case produttrici affiliate a google. Come di preciso? Si attendono a breve nuovi dettagli...

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©