Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

L'azienda replica alle roboanti accuse del magnate

Google risponde a Murdoch: impara a usare Internet


Google risponde a Murdoch: impara a usare Internet
13/11/2009, 20:11

Il magnate australiano Rupert Murdoch ha accusato nei giorni scorsi Google di rubare su Internet le news inserite sull’aggregatore Google News, sottraendo in questo modo guadagni agli editori, ed ha minacciato azioni legali se il motore di ricerca non escluderà dalle fonti i suoi quotidiani quando questi diventeranno a pagamento. Google ha risposto alla minaccia con un comunicato che, nella sua serietà, non può che strappare un sorriso. Il messaggio lanciato è stato infatti chiaro e suona pressappoco così: “Caro Murdoch, prima di sparare a zero impara come si usa Internet”.
Non è necessaria infatti alcuna azione legale per far eliminare i propri articoli da Google News. Basta comunicarlo a Google, che, per inciso, non ha nessuna intenzione di ‘rubare notizie’ per il suo aggregatore online. Il sistema più semplice per essere escluso da Google News è seguire un “semplice standard tecnico”. Se Murdoch non vuole che le notizie pubblicate dai suoi siti vengano indicizzate, non deve far altro che impostare sui suoi server un file di poche righe di testo e, come per magia, Google smetterà di ‘rubare’. Una procedura che qualsiasi programmatore sarebbe in grado di fare ma che il magnate australiano, evidentemente poco avvezzo ad utilizzare i nuovi media, non conosce. O, volendo essere malpensanti, si potrebbe ipotizzare che Murdoch conoscesse bene questo sistema, ma che avesse preferito lanciare roboanti dichiarazioni per fare pubblicità gratuita ai siti di news a pagamento che intende lanciare a breve.
Google ha inoltre ricordato che se qualcuno pubblica delle notizie in Internet il suo scopo è la diffusione, così sono pochi quelli che decidono di fare a meno dell’indicizzazione. In questi rari casi, ribadisce l’azienda, non c’è però nessun ostacolo alla rimozione.

Commenta Stampa
di GF
Riproduzione riservata ©