Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Gravidanze indesiderate, nuove proposte dall'Inghilterra


Gravidanze indesiderate, nuove proposte dall'Inghilterra
31/01/2009, 14:01

La Gran Bretagna ha il record europeo della maternità tra le minorenni. Nel tentativo di evitare queste gravidanze, il governo sta sperimentando, in due zone di Londra, la vendita della pillola anticoncezionale senza ricetta.

Un provvedimento che divide gli esperti.

Sarah Jarvis del Royal College dei medici di famiglia scrive sul Bmj che il problema non dipende dalla facilità con cui si ha accesso alla pillola, ma dal suo uso irregolare. La pillola è efficace: le gravidanze indesiderate sono dello 0,3% nel primo anno, ma salgono all'8-9% quando non viene assunta correttamente. Secondo Sarah Jarvis andrebbero promossi dei metodi a lunga durata, come la spirale o l'iniezione contraccettiva della durata di tre mesi.
Daniel Grossman, ginecologo dell'Università di San Francisco, non è d'accordo. Sostiene che se la pillola fosse un farmaco da banco il problema dell'irregolarità dell'assunzione sarebbe in parte risolto e più donne si avvicinerebbero alla contraccezione.
"Per combattere le gravidanze indesiderate e i relativi problemi di mortalità materna nei paesi poveri, i governi dovrebbero permettere un accesso più facile alla pillola, a basso costo e gratis".
L'articolo contenente le proposte è stato pubblicato sulla rivista Internazionale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©