Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Gruppo Volkswagen: primo in Ricerca e Sviluppo


Gruppo Volkswagen: primo in Ricerca e Sviluppo
25/11/2013, 11:34

Il Gruppo Volkswagen è il maggiore investitore al mondo per Ricerca e Sviluppo nel settore privato. Questo è uno dei risultati dell’annuale “Quadro di valutazione sugli investimenti industriali in R&D”, elaborato dalla Commissione Europea e basato su un campione di 2.000 aziende internazionali, selezionate nel 2012 e appartenenti a diversi settori industriali. Con investimenti in Ricerca e Sviluppo pari a 9,5 miliardi di Euro (7,2 miliardi nel 2011), il Gruppo Volkswagen guida per la prima volta la classifica dello studio ed è l’unica azienda tedesca tra le prime dieci.

Martin Winterkorn, Presidente del Gruppo Volkswagen, ha dichiarato che: “Per noi, i recentissimi risultati derivanti dallo studio della Commissione Europea sono ulteriori conferme della nostra strategia. Di fronte alla forte concorrenza globale, l’Europa deve concentrarsi con maggiore sistematicità su tecnologie rispettose dell’ambiente e su prodotti competitivi. L’investimento in Ricerca e Sviluppo è, a tal proposito, sia un fondamento che un prerequisito, motivo per cui il Gruppo Volkswagen proseguirà con investimenti mirati all’accrescimento della propria capacità innovativa. Resteremo una fucina di idee per l’industria automobilistica europea”.

Le attività di R&D del Gruppo Volkswagen, con una squadra interna di oltre 40.000 specialisti, si focalizzano nell’ampliare la gamma dei propri modelli e nel perfezionare costantemente l’efficienza delle vetture, delle tecnologie e dei sistemi di trazione. Una gran parte degli investimenti del Gruppo è dedicata al conseguimento di un’ulteriore e significativa riduzione delle emissioni di CO2 nella propria nuova gamma di vetture. Di conseguenza, questi sforzi si concentrano sull’elettrificazione del portafoglio prodotti, aumentando l’efficienza della gamma delle motorizzazioni e ampliando la scelta delle alternative di propulsione.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©