Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Ho la vitiligine, posso curarla?


Ho la vitiligine, posso curarla?
12/06/2012, 18:06

La vitiligine si caratterizza di macchie bianche più o meno evidenti su varie parti del corpo. Si presentano in questo modo perché le cellule produttrici di melanina, la sostanza responsabile della colorazione della pelle, procedono verso la distruzione a causa di un meccanismo autoimmune. Nella metà dei casi si sviluppa tra i 10 e i 30 anni. Le cause non sono ancora conosciute, ma recenti scoperte annoverano i radicali liberi come possibili responsabili.  Le macchie cominciano a comparire sui gomiti, sui piedi e le ginocchia, poi, in seguito, possono svilupparsi sul viso e sul resto del corpo. Una accurata diagnosi avviene dopo l’esposizione alla luce di Wood, una particolare lampada a fluorescenza usata dai dermatologi. Le cure esistenti non garantiscono la completa guarigione, ma sono molto utili per rallentare la crescita delle chiazze bianche. Per le forme appena comparse si possono applicare creme cortisoniche o a base di immunomodulatori. Ultimamente grande successo sta riscuotendo la fototerapia, che impiega lampade Uva a banda stretta o laser mirati solo sulle zone malate. Lo scopo della fototerapia è quello di bloccare la progressione della malattia stimolando la crescita e la moltiplicazione dei melanociti ancora presenti. Il tempo è un grande alleato, tanto prima si incomincia la cura, tanto più è possibile tenere sotto controllo l’avanzare della malattia.     

Commenta Stampa
di Marina Ciaravolo
Riproduzione riservata ©