Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Honda Insight si conferma in Italia la prima ibrida per tutti


Honda Insight si conferma in Italia la prima ibrida per tutti
31/07/2009, 12:07

Continua a riscuotere successo in Italia la prima ibrida per tutti, Honda Insight. Sono quasi 3.000 i Clienti che hanno scelto in soli tre mesi dal lancio (lo scorso 18 aprile) di essere innovativi rispettando l’ambiente.
Anche la comunità virtuale dei fan di Insight ne conferma le inconfondibili caratteristiche: la migliore tecnologia ibrida, un ottimo comfort di marcia e una sorprendente flessibilità interna, in un prodotto dal prezzo contenuto e dai costi di gestione notevolmente bassi.
Insight è equipaggiata con il sistema ibrido IMA di Honda, acronimo di Integrated Motor Assist (assistenza al motore integrata), che abbina al motore a benzina un motore elettrico in grado di migliorarne le prestazioni. Il motore elettrico fornisce l'alimentazione necessaria quando sono richieste prestazioni maggiori e funge da generatore durante la decelerazione e la frenata, consentendo inoltre il funzionamento esclusivamente elettrico ai bassi e medi regimi. Infatti la tecnologia VCM (Variable Cylinder Management) viene impiegata anche per bloccare il cinematismo delle valvole in tutti e quattro i cilindri ad esempio quando si procede a una bassa velocità costante.
In questa modalità Insight passa automaticamente alla modalità “solo elettrico” riducendo le perdite di pompaggio di tutti i cilindri, fino ad un’autonomia di quasi 2 km.
Il sistema ibrido parallelo come l’IMA ha il grande vantaggio di essere più piccolo e più leggero degli altri sistemi sviluppati nel settore automobilistico, risulta meno costoso nel processo produttivo, il che si traduce in un enorme vantaggio per i Clienti. Non solo per il prezzo di acquisto (Honda Insight è proposta a partire da 16.400,00 Euro grazie agli incentivi statali, prezzo che scende ulteriormente a 14.900,00 Euro in caso di rottamazione), ma anche nell’economia di esercizio quotidiana.
Il team di sviluppo di Insight si era reso conto nel corso dei propri studi che i consumi di carburante variavano notevolmente a seconda del conducente. Per esempio a una velocità media di 30 km/h poteva esserci una differenza anche del 21% nel consumo di carburante effettivo tra un conducente e un altro. Alla luce di questo dato, i progettisti sono intervenuti sul sistema di gestione della vettura per tentare di ridurre al minimo l’effetto sui consumi considerando i diversi stili di guida.
Per questo Insight è equipaggiata con il primo sistema di training al mondo per contenere i consumi, basato sul comportamento di guida del conducente e denominato Ecological Drive Assist System (Eco Assist).
Il meglio dell’innovazione Honda si traduce in un consumo di soli 4,4 litri/100km (nel ciclo combinato) ed emissioni di CO2 di appena 101 gr/km. E i costi assicurativi, con il motore 1.3 lt ma prestazioni paragonabili a un 1.6 lt, si dimostrano un ulteriore vantaggio per il Cliente.
Honda garantisce il sistema IMA per ben 8 anni o 160.000 km, a testimonianza dell’assoluta affidabilità della tecnologia di bordo.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©