Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

HondaJet raggiunge la massima velocità


HondaJet raggiunge la massima velocità
31/03/2011, 16:03

Honda Aircraft Company, Inc., ha annunciato oggi che il primo “FAA (Federal Aviation Administration)–Conforming” business jet leggero HondaJet ha raggiunto la velocità massima di 425 KTAS (489 mph) e di Mach 0,72. Questo risultato supera l’obiettivo di 420 KTAS che l‘azienda si era fissata come obiettivo.

La velocità massima di 425 KTAS dell’ “FAA-conforming” HondaJet è stata registrata a 30.000 piedi l’11 marzo 2011. Questo risultato arriva a meno di tre mesi di distanza da quando l'aeromobile ha completato con successo il suo primo volo il 20 dicembre 2010.

"Siamo estremamente soddisfatti di questi buoni risultati diHondaJet all'inizio del programma di test in volo", ha detto Michimasa Fujino, Presidente & CEO di Honda Aircraft Company. "I nostri test di volo indicano che le prestazioni dell'aeromobile rispettano le nostre aspettative, dimostrando un’armonia di controllo e una stabilità eccellenti.

L’esclusiva configurazione con il supporto del motore sopra le ali, il naturale flusso laminare d’entrata e il design della fusoliera riducono in modo significativo la resistenza e contribuiscono notevolmente alle eccezionali prestazioni. Inoltre i motori HF120 garantiscono prestazioni di alto livello ed efficienza".

Honda continuerà una rigorosa serie di prove di volo, test sui sistemi e sulla manegevolezza. Le prove in volo di HondaJet si svolgono presso la sede di Honda
Aircraft Company a Greensboro, North Carolina.

Mentre i test di volo continuano, la costruzione dell'impianto di produzione di HondaJet nel campus della società a Greensboro è quasi giunta a conclusione. Honda presto occuperà questo stabilimento con superficie di 263.400 ft2 ed inizierà il processo di trasferimento di attrezzature e di personale nella struttura ed in seguito la preparazione per la pre-produzione e la formazione necessarie a sostenere la produzione di HondaJet a partire dal 2012.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©