Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

I predatori del mare a Città della Scienza


I predatori del mare a Città della Scienza
18/04/2012, 11:04

Lo squalo è rimasto l’unico dei grandi predatori del pianeta che non sia stato ancora “riabilitato” dal nostro immaginario collettivo, come già avvenuto per il lupo o il leone. Il persistere dell’ultimo vero mito negativo del mondo animale è senz’altro frutto della nostra paura nei confronti di un mostro sconosciuto ed imprevedibile che può divorarci.

Molti pensano che gli squali siano tutti uguali, in realtà, esistono oltre 400 specie e pochissime possono attaccare l’uomo. Gli squali si differenziano per dimensioni, alcune specie sono lunghe appena una ventina di centimetri, altre, invece, superano addirittura i dodici metri; determinate specie vivono ai tropici, altre in zone temperate; possono essere costiere o di alto mare, vivere in superficie o negli abissi.

La scienza ha ancora molto da imparare a riguardo e oggi gli squali sono in pericolo di sopravvivenza in tutto il mondo.

Per questo motivo Fondazione IDIS-Città della Scienza dedica l’intera giornata di domenica 22 aprile alla conoscenza ed alla salvaguardia di questi grandi predatori marini, organizzando eventi, attività di laboratorio e, soprattutto, incontri con due importanti esperti in materia.

Alle ore 12,00 il prof. Danilo Russo, docente di Conservazione della Natura all’Università degli Studi Federico II di Napoli, illustrerà il complesso ruolo degli squali nell’ecosistema marino e le minacce che le nostre attività apportano alla loro sopravvivenza.

Alle ore 15,00 Alessandro De Maddalena, curatore della Banca Dati Italiana Squalo Bianco e grande esperto in materia, parlerà dello squalo bianco nel Mediterraneo, mostrerà le strabilianti immagini degli squali bianchi del Sud Africa e spiegherà anche come poter assistere dal vivo a questi spettacoli della natura.

Completeranno la giornata laboratori e attività per i più piccoli sul tema della salvaguardia degli squali, mentre nel Science Centre sarà possibile scattarsi una foto nella bocca del Megalodon, un antico squalo predatore di balene, familiarizzare con uno squalo radiocomandato e conoscere Squalo bit – un simpatico predatore del cyberspazio.


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©