Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

I tacchi fanno male alla salute

In aumento le patologie del piede nelle donne

I tacchi fanno male alla salute
22/11/2011, 18:11

L'accessorio più amato dalle donne , il tacco , si è rivelato un arma a doppio taglio,  è capace di donare qualche centimetro e molta eleganza ,ma è anche  una minaccia per la salute, soprattutto per quella dei piedi. Come confermano le recenti indagini condotte nei paesi anglosassoni su un campione di oltre 2.000 donne dai 15 anni in su, l'utilizzo prolungato di scarpe troppo alte e scomode può provocare l'insorgere di particolari patologie, prime tra tutte le metatarsalgie e l'alluce valgo. La patologia podalica più frequentemente associata all'utilizzo dei tacchi  è l'alluce valgo, che si presenta come una deformazione dell'alluce che 'devia' esternamente, rivolgendo la falange verso le altre dita. Questa patologia scheletrica (spesso molto difficile  da risolvere se non chirurgicamente)  è accompagnata da altre lesioni, come lussazione delle relative ossa annesse laterale e della prima testa metatarsale (ricoperta da callosità per il continuo sfregamento con la calzatura). Il tutto si aggrava, poi, se si tratta di tacco 'a spillo', ossia la condizione più dannosa e difficile in cui si possa porre il piede, dato che, a causa della riduzione dell'ampiezza del tacco, il piede si ritrova costretto ad operare diversi e difficili 'aggiustamenti' (che col tempo divengono adattamenti anatomici veri e propri, di conseguenza, patologie) per evitare di perdere un già precario equilibrio dovuto al rialzo eccessivo e sottile della base d'appoggio.
 Il numero di donne affette da queste dolorose patologie che provocano non solo dei forti dolori, ma anche una progressiva deformazione del piede ,rendendo così difficile qualsiasi attività quotidiana, è in continuo aumento. 
L'alluce valgo oggi può essere curato grazie a un'innovativa tecnica percutanea che consente di eliminare in modo definitivo questo problema.

Commenta Stampa
di Broegg Anna Carla
Riproduzione riservata ©