Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Identificato un nuovo marker per i carcinomi polmonari


Identificato un nuovo marker per i carcinomi polmonari
12/03/2012, 10:03

Confermato il ruolo del gene cbx7 in numerosi casi di tumori maligni da una ricerca dell’Ieos-Cnr di Napoli, pubblicata su The Journal of Clinical Investigation. Dimostrato anche che meccanismi molto simili sono alla base di neoplasie nell’uomo e identificata la ciclina E come possibile bersaglio terapeutico. Il progetto è stato finanziato dall’Airc

Una serie di evidenze scientifiche già suggerivano che il gene cbx7 fosse un oncosoppressore, la cui assenza o mutazione è cioè associata a numerosi casi di tumori maligni. La conferma definitiva è arrivata dal gruppo di ricerca guidato da Alfredo Fusco, direttore dell’Istituto di endocrinologia ed oncologia sperimentale del Consiglio nazionale delle ricerche (Ieos-Cnr) di Napoli: il lavoro è pubblicato sulla rivista The Journal of Clinical Investigation.

“Utilizzando un modello di cosiddetti topi knock out, nei quali il gene viene reso non funzionante, abbiamo dimostrato che l’assenza di cbx7 determina lo sviluppo di adenomi e carcinomi polmonari” spiega Fusco. “Il meccanismo alla base di tali neoplasie coinvolge, la ciclina E, una proteina la cui espressione è regolata negativamente da cbx7. L’aspetto importante della nostra ricerca è aver dimostrato che meccanismi molto simili a quelli identificati nel topo sono alla base anche dello sviluppo dei carcinomi polmonari umani. Infatti anche in queste neoplasie si rilevano un’aumentata espressione della proteina denominata ciclina E e l’assenza dell’espressione di cbx7”.

Questi risultati si inseriscono nell’ambito di un percorso sperimentale cominciato all’Ieos-Cnr già negli anni ‘80. “Il nostro gruppo lavora da tempo sulle proteine denominate Hmga (High Mobility Group A) che abbiamo isolato in collaborazione con l’Università degli Studi di Trieste”, prosegue il direttore dello Ieos-Cnr, che è anche docente all’Università di Napoli ‘Federico II’. “Queste proteine si trovano nel nucleo delle cellule, regolano l’espressione di numerosi geni e rivestono un ruolo determinante nello sviluppo dei tumori: la loro espressione è particolarmente elevata nei tumori più aggressivi, con cattiva prognosi e ridotta sopravvivenza dei pazienti, mentre l’abolizione della loro espressione porta al blocco della trasformazione tumorale”.

Recentemente il gruppo aveva dimostrato che queste proteine HMGA interagiscono con cbx7 che, sorprendentemente, si comporta in maniera opposta: la sua espressione è ridotta nei tumori tiroidei, del colon e pancreas, e la sua assenza si verifica nelle neoplasie più invasive e a ridotta sopravvivenza. “Tuttavia per validare tale ruolo la comunità scientifica richiedeva la conferma sui cosiddetti topi ‘knock out’, la cui caratterizzazione è stata oggetto della recente pubblicazione e del tenace ed entusiastico lavoro di molti giovani ricercatori”, conclude Fusco. “Pertanto questi studi indicano cbx7 come un eccellente marcatore per la diagnosi e la prognosi dei carcinomi del polmone e di altri organi, e identificano la ciclina E come possibile bersaglio terapeutico nelle neoplasie polmonari”.  Il progetto è stato finanziato dall’Associazione italiana per le ricerche sul cancro (Airc)

La scheda
Chi: Istituto di endocrinologia ed oncologia sperimentale del Consiglio nazionale delle ricerche (Ieos-Cnr) di Napoli

Che cosa: conferma del gene cbx7 quale oncosoppressore (Floriana Forzati, Antonella Federico, Pierlorenzo Pallante, Adele Abbate, Francesco Esposito, Romina Sepe e Monica Fedele per Ieos-Cnr, Umberto Malapelle e Giancarlo Troncone dell’Università di Napoli ‘Federico II’, Giuseppe Palma e Claudio Arra dell’Istituto nazionale dei tumori di Napoli, Fondazione Pascale, e Marzia Scarfò dell’Istituto Biogem di Ariano Irpino, “CBX7 is a tumor suppressor in mice and humans”, The Journal of Clinical Investigation, volume 122, n.2, febbraio 2012).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©