Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Il bebè sbadiglia nel pancione della mamma

I risultati di una ricerca della Durham University

Il bebè sbadiglia nel pancione della mamma
22/11/2012, 15:57

E’ il risultato di una ricerca pubblicata su “PlosOne” da studiosi della Durham University. Lo studio dimostra che il feto nel pancione della mamma sbadiglia. E questo potrebbe aiutare a capire maggiormente le condizioni di salute del nascituro. I ricercatori hanno effettuato scansioni in 4d su 15 feti sani, scoprendo che lo sbadiglio è parte integrante dello sviluppo del bambino. Inoltre è stato rivelato che lo sbadigli si riduce a partire dalle 28 settimane, senza differenze tra maschi e femmine. A commentare la ricerca è Nadja Reissland del Dipartimento di Psicologia della Durham University: “I risultati di questo studio dimostrano che lo sbadiglio si può osservare in feti sani. Inoltre la frequenza degli sbadigli diminuisce con l’aumentare dell’età del nascituro. A differenza di noi, i feti non sbadigliano perché contagiati o perché hanno sonno. La frequenza degli sbadigli nel grembo materno può essere legata alla maturazione del cervello nelle fasi iniziali della gestazione. Dato che la frequenza di `yaown´ nel nostro campione di feti sani è sceso dalle 28 alle 36 settimane di gestazione, questo sembra suggerire una funzione di maturazione legata agli sbadigli”. 

Commenta Stampa
di Emmeggì Riproduzione riservata ©