Cyber, scienza e gossip / Gossip

Commenta Stampa

La ex commenta

Il caso di Rocco Pietrantonio, parla Lory Del Santo


Il caso di Rocco Pietrantonio, parla Lory Del Santo
26/11/2014, 18:15

Ha intenerito tanti suoi fans, la storia di Rocco Pietrantonio, che a seguito della rottura con la sua ex Claudia Boldi, si è trovato a vivere un periodo di grandi ristrettezze economiche, che lo hanno addirittura costretto a dormire in macchina e a lavarsi nei bagni pubblici, dopo aver lasciato la casa in cui viveva con la sua ex moglie e la piccola Mia nata dalla loro relazione. In una lunga intervista a Mattino 5 si è detto intenzionato a cercare un lavoro per potersi occupare del sostentamento della bambina. Torna ora a parlare di lui in un'intervista la sua celebre ex, Lory Del Santo, che si è detta molto dispiaciuta per la situazione che sta vivendo Pietrantonio, ma ritiene che parte della colpa di tutto ciò ricade anche su di lui e sulla leggerezza con cui ha fatto delle scelte di vita importanti. La Del Santo si è però detta disposta a stargli accanto come amica in questo momento particolare in nome dell'affetto che li ha legati per circa due anni: "Io ci sono sempre per le persone che si sono comportate bene e devo dire che noi non ci siamo lasciati per cose gravi. E' stato lui, perché pensava che fosse ora di vedere che cosa riusciva a fare da solo ed è giusto che ci abbia provato. Lui pensava di essere in grado di volare con le proprie ali. I due anni insieme sono stati belli, positivi, altrimenti non saremmo durati tanto. Ora lo vedo in una posizione un po' difficile, perché ha una figlia da mantenere. Penso che lui abbia rivalutato il nostro rapporto. Quando si perde una cosa, si tende sempre a ricordarne il valore e adesso sarò tornata nei suoi pensieri. Però penso che quando si fa una scelta, tornare indietro è impossibile, perché poi le motivazioni che hanno portato alla rottura vengono sempre a galla. Quindi certamente lo voglio aiutare, ma solo come amica".

Commenta Stampa
di Jgossip.it Riproduzione riservata ©