Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

E' previsto per oggi l'annuncio preliminare

Il Cern si appresta a dimostrare l'esistenza della "particella di Dio"


Il Cern si appresta a dimostrare l'esistenza della 'particella di Dio'
13/12/2011, 10:12

GINEVRA - Secondo le anticipazioni del New York Times, oggi è il gran giorno: dal Cern di Ginevra spiegheranno perchè esiste la massa e risolveranno uno degli enigmi che stanno alla base dell'universo. Negli ultimi tempi, infatti, si sono fatti due esperimenti nell'LHC (il più grande e potente acceleratore nucleare mai costruito, che sta nei laboratori svizzeri del Cern) dai nomi di Cms ed Atlas - guidati il primo da Guido Tonelli e il secondo da Fabiola Gianotti, due scienziati italiani - tesi a cercare prove dell'esistenza del bosone di Higgs. E' una particella la cui esistenza è stata immaginata e calcolata, ma mai verificata. Scopo dei due esperimenti era proprio quello di trovarla, direttamente o indirettamente. I due esperimenti sono stati fatti ognuno ignorando i risultati dell'altro, per evitare che uno dei due influenzasse l'altro. Ma, secondo il quotidiano statunitense, i risultati sono incoraggianti: il bosone di Higgs esisterebbe davvero. E oggi i due team lo confermerebbero, in una relazione - che verrà resa nota forse stesso in giornata - che mette a confronto i due esperimenti.
Se fosse vero, ci si troverebbe ad una nuova svolta della fisica, all'apertura di una nuova porta sull'ignoto. E per la seconda volta in poche settimane, la svolta è stata compiuta da scienziati italiani (l'altra riguarda la scoperta che i neutrini vanno più veloci della luce) alla guida di esperimenti effettuati nell'ambito del Cern di Ginevra.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©