Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

IL CERVELLO HA MEMORIA DELLA DIPENDENZA DALLE DROGHE


IL CERVELLO HA MEMORIA DELLA DIPENDENZA DALLE DROGHE
30/07/2008, 18:07

La memoria della dipendenza dalle droghe si forma nel cervello dell’individuo che assume stupefacenti e persiste per anni e anni dall’ultima dose, rendendolo sempre suscettibile a ricadute anche a disintossicazione avvenuta. Resa nota sulla rivista "Neuron", la scoperta porta la firma italiana. Si tratta del primo meccanismo fondamentale alla base della sensazione di astinenza e della facilità alle ricadute, spiega Antonello Bonci dell’Università della California a San Francisco. In Usa dal 1998 dopo una laurea in medicina all’Università Cattolica di Roma e una specializzazione in Neurologia a Tor Vergata, l’esperto ha studiato l’astinenza e il rischio ricaduta da cocaina su topolini e registrato la formazione di questa memoria potenziata che dura tantissimo tempo (mesi nei topi equivalenti ad anni negli uomini) e che si instaura in uno dei centri nervosi fondamentali per lo sviluppo dei comportamenti di dipendenza. “Questo meccanismo fondamentale - aggiunge Bonci - non solo suggerirà nuove strategie anti-dipendenza, ma serve anche da avvertimento a tutti i giovanissimi che credono di poter dominare l’assunzione di sostanze”; bisogna che sappiano che, invece, a causa di questa memoria con facilità rimarranno “schiavi” della dipendenza, e suscettibili a ricadute.  
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©