Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

IL CILENTO FESTEGGIA I 107 ANNI DI NONNA TRINITA'


IL CILENTO FESTEGGIA I 107 ANNI DI NONNA TRINITA'
07/01/2009, 15:01

 

E’ una delle donne più anziane d’Italia, ma non se lo ricorda. Forse nemmeno le importa. A chi le chiede l' età, risponde con un sorriso, sgranando gli occhi azzurri: «Sono ancora giovane ». Trinità Di Luca, classe 1902, vive in un mondo tutto suo, fatto di ricordi, raccontati con la delicatezza fantasiosa delle persone che hanno vissuto molto a lungo. 107 anni, due secoli visti con i propri occhi. E' stato davvero un compleanno speciale quello che ha festeggiato a Licusati, piccola frazione di Camerota, la signora Trinità. Una festa in grande stile, con pasticcini, bandiere e palloncini, il tutto per nonna Trinità che ha ricevuto gli auguri dall’intera comunità nella casa della pronipote Mariapia Cusati dalla quale riceve quotidianamente una premurosa assistenza. A festeggiare amiche e amici del posto, parenti, volontari, autorità politiche e anche il vescovo della diocesi di Teggiano –Policastro monsignor Angelo Spinillo. Nata a Licusati il 3 gennaio del 1902, "nonna Trinità", nel 1929 si congiuse in matrimonio con il signor Nicodemo Piccolo dal quale ebbe un figlio. I tempi allora erano magri e il marito fu costretto ad emigrare negli Stati Uniti d’America per garantire alla famiglia un futuro più roseo. Purtroppo dopo poco tempo la signora Trinità  ebbe la  notizia che il  marito aveva formato una nuova famiglia.  D’allora la sua esistenza cambiò e si  caratterizzò  da enormi sacrifici sostenuti solo da una forte fede in Dio. Ma la vita  continua. Trinità anche. Oggi non esce più di casa, ormai, ma partecipa alla vita dei giovani che stanno con lei: «Mi raccomando, non fate tardi la sera e mangiate le cose fatte in casa », consiglia. Sì, Trinità parla spesso con i ragazzi di Licusati che le vanno a fare visita: «Senza i vecchi non possono vivere, ne hanno bisogno più del cibo». E guarda al futuro: «Spero che mi sia concesso ancora qualche anno. Voglio imparare ancora tante cose. ».

Commenta Stampa
di Vincenzo Rubano
Riproduzione riservata ©