Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Domenica 3 gennaio al Science Centre

Il clima che cambia dai poli all’equatore


Il clima che cambia dai poli all’equatore
29/12/2009, 14:12


NAPOLI - A circa quindici giorni di distanza dalla conclusione del COP 15 di Copenaghen la Fondazione Idis-Città della Scienza dedica un’intera giornata ai cambiamenti climatici in atto sul nostro pianeta.
La responsabilità di queste alterazioni del clima è in gran parte legata alle attività dell’uomo ed in particolare all’uso eccessivo dei combustibili fossili che immettono nell’atmosfera grandi quantità di anidride carbonica con un conseguente ampliamento dell’effetto serra.
I maggiori effetti di tali cambiamenti si notano ai poli, dove lo scioglimento dei ghiacciai provoca il consistente innalzamento del livello dei mari.
Il tema sarà discusso al Science Centre dalla dottoressa Giannetta Fusco e dal Professor Giorgio Budillon della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università degli Studi di Napoli “Parthenope”.
Al centro del dibattito il ruolo dell’Antartide nel sistema climatico globale, argomento su cui si è focalizzata l’ attività di ricerca scientifica dei due studiosi in questi ultimi anni.
Nel Science Centre i visitatori assisteranno ad alcune spettacolari dimostrazioni scientifiche interattive, che vedranno come protagonisti il ghiaccio ed il calore, per una comprensione ancora più profonda dei meccanismi fisici di causa ed effetto dei cambiamenti climatici, mentre al Planetario sarà possibile osservare le costellazioni visibili dai poli.
Nell’Officina dei Piccoli, infine, i bambini saranno impegnati in divertenti attività scientifiche su calore e temperatura ed i più piccini si cimenteranno nella colorazione di simpatiche immagini raffiguranti igloo e soggetti natalizi.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©