Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Terra-Luna-Sole in diretta su Facebook

Il decennio comincia con un'eclissi

Fino al 2026 non sarà visibile nulla del genere

Il decennio comincia con un'eclissi
03/01/2011, 20:01

Domani mattina appuntamento con la prima eclissi solare del 2011, sarà parziale e sarà la prima e l'unica dell'anno, visibile dall'Europa e dall'Italia. L'eclisse è un fenomeno naturale noto agli astronomi fin dall'antichità e che si ripete ogni qualche anno: la luna si interpone tra il sole e la terra e oscura la luce, così terra-luna-sole si trovano allineati e il nostro satellite getta un'ombra su una parte limitata della terra, e noi vediamo il sole parzialmente o totalmente oscurato. Domani l'eclisse sarà di sole e sarà parziale, visibile dal Nord Europa fino all'Africa. In particolare per l'Italia - spiega Pietro Ubertini, Istituto nazionale astrofisica - sarà visibile dalle 6.50 di mattina circa fino intorno alle 9.40, a Roma ad esempio inizierà alle 6.52 di mattina e finirà alle 9.38, con un massimo alle 8.10 quando il disco del sole sarà oscurato circa al 70%, con una fascia di luce residua quindi di circa il 30%. A Milano si avrà il massimo dell'oscuramento del sole con il 73%, mentre ad esempio a Catania sarà del 65%. Non sarà buio completo ma sembrerà quantomeno l'imbrunire. E non aiuterà ad ammirare il fenomeno il fatto che avvenga di mattina, col sole basso sull'orizzonte. Ma gli astronomi, professionisti e non sperano almeno nel bel tempo, anche le previsioni meteo non sono ottimali. Il massimo dell'eclisse, ovvero il picco di ombra sarà comunque visibile nel nord Europa, in Svezia, Finlandia, Norvegia e diminuirà scendendo verso l'Africa. Ad Helsinki ad esempio il sole sarà oscurato per l'85% (qui l'eclissi inizia alle 7.30, culmina alle 8.50, finisce alle 10.14). A Marrakech invece ad esempio culminerà alle 7.40 ma il sole sarà oscurato solo per il 37% e nel centro Africa si scende fino al 20%. Per chi comunque volesse vederla, gli esperti raccomandano di prendere le dovute precauzioni: non puntare assolutamente il sole ad occhio nudo, il pericolo è quello di subire danni permanenti alla retina; e non bastano per proteggere gli occhi neppure i normali occhiali da sole, ma serve uno schermo oscurato da appositi filtri, uno schermo con un alto livello di oscuramento. Vale anche il vecchio sistema del vetro annerito dal fumo di candela, ma bisogna saperlo fare; onde evitare rischi, meglio rivolgersi agli ottici.
Un'occasione in piu' per osservare in diretta l'eclissi di sole di domani mattina, anche per chi non potra' farlo dal vivo, viene offerta dal Museo tridentino di scienze naturali di Trento, sulla pagine di Facebook del museo stesso. Si tratta, come ormai noto, di un evento astronomico di grande interesse: un'eclisse parziale di Sole, fenomeno di per se' non particolarmente raro, che pero' per le zone italiane costituira' la migliore opportunita' di osservazione da qui al 2026. La diretta sul noto social network sara' dalle 8.30 alle 10.40. Un astronomo sara' connesso durante le due ore e mettera' a disposizione mano a mano le immagini dell'eclissi, rispondendo alle domande di chi accedera' alla pagina. Per seguire l'esperto e osservare con il suo supporto l'evento astronomico, ovviamente nuvole permettendo, bastera' connettersi a Facebook e cercare la pagina del museo, digitando 'museo tridentino di scienze naturali'.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©