Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Il futuro sfila al Concorso d’Eleganza Villa d’Este


Il futuro sfila al Concorso d’Eleganza Villa d’Este
07/04/2010, 15:04

Al Concorso d’Eleganza Villa d’Este la sfilata che ha per protagoniste le moderne concept car è tra i momenti di massimo interesse per gli appassionati di automobili che ogni anno si ritrovano sulle rive del lago di Como. Qui le auto del futuro non sono rigidamente separate in capannoni fieristici ben illuminati, ma si propongono all'occhio critico del pubblico chiamato a eleggere la più bella. Le automobili finora iscritte promettono di dar vita a un quadro entusiasmante quando saranno esposte nello scenario straordinario del Grand Hotel Villa d’Este, l’ultimo finesettimana di aprile.



Spada TS Codatronca (2008)

Aerodinamica, costruzione leggera e handling sono i tre criteri applicati da Spadaconcept nella costruzione della TS Codatronca. Il linguaggio delle forme della Sport Touring segue in pieno la filosofia di Ercole Spada: la funzionalità di un oggetto si rivela nella sua forma. Per quanto Spada non intendesse votarla alla potenza pura, quest'auto sportiva da oltre 600 CV soddisfa, con i suoi 340 km/h, i requisiti della FIA per la classe GT1. Chi è disposto a rinunciare a un po’ di potenza e coppia, può addirittura fare rifornimento con benzina E85.



Bentley Continental Flying Star, Touring Superleggera (2010)

La Bentley Continental Flying Star è scaturita dal desiderio di un cliente. La base di questa Bentley scelta da Touring Superleggera è una Continental GTC Cabrio. A partire dal montante del parabrezza, non c'è un tratto dell'automobile che sia stato trascurato.

Nonostante le innumerevoli modifiche, i designer sono stati molto attenti a conservare i tratti tipici della Bentley. La Flying Star dispone di due diverse motorizzazioni, da 560 CV e 610 CV.



Ferrari P540 Superfast Aperta (2010)

Questo pezzo unico realizzato da Ferrari per un cliente americano si basa sulla F 599 GTB Fiorano. L’automobile è la citazione di una vettura appositamente realizzata per il film di Fellini “Toby Dammit” e la carrozzeria è, come il suo alter ego, interamente in oro. Gli ingegneri Ferrari hanno applicato a quest’auto sportiva circa 20 kg di rinforzi in carbonio, in modo che la 599 GTB, originariamente chiusa, potesse sopportare l’estrazione della parte centrale del tetto. Il motore è un potente V12 da 620 CV.



Frazer-Nash Namir, Italdesign (2009)

L’automobile della Italdesign reca il nome “Namir” che in arabo significa “tigre”. Come l'animale da cui prende il nome, la Frazer-Nash esalta in modo particolare aspetti quali eleganza, forza, forma. Anche il colore è ispirato al manto dell'animale. L’auto promette non solo di essere veloce ma anche estremamente ecocompatibile grazie a uno speciale motore ibrido.



Alfa Romeo TZ3 Corsa, Zagato (2010)

In occasione del centenario del marchio Alfa Romeo, Zagato rende omaggio all’anniversario del marchio italiano e presenta la TZ3 Corsa, simbolo della collaborazione ricca di tradizione tra i due marchi. L’idea di “bellezza utile” scaturisce, da un lato, da una filosofia funzionale e, dall’altro, dalla tradizione motoristico-sportiva che Zagato condivide con Alfa Romeo dal 1919. Con la TZ3, Zagato festeggia di nuovo un’anteprima mondiale al Concorso d’Eleganza Villa d’Este.



Torna la BMW 328 Kamm Coupé

Come ogni anno, BMW presenta a Villa d’Este una concept car fuori concorso. In ricordo della vittoria alla Mille Miglia di 70 anni fa, la casa di Monaco ha scelto di “rinnovare” la BMW 328 Mille Miglia Concept Coupé. Ancora una volta, BMW Classic ha escogitato qualcosa di particolare e per questa edizione ha fatto costruire un’automobile scomparsa dalle scene da quasi 60 anni: la BMW 328 Kamm Coupé. Quest’auto sportiva coniuga armoniosamente funzionalità ed estetica e dimostra quanto, già all’epoca, BMW fosse avanti nello sviluppo dell’aerodinamica e della costruzione leggera. “Siamo molto orgogliosi di presentare nuovamente al pubblico questa pietra miliare della storia dello sport motoristico”, ha detto Karl Baumer, direttore di BMW Classic. “Due anni orsono, con la M1 Hommage, abbiamo mostrato al Concorso quanto il passato possa essere un potente ispiratore per il futuro, oggi la BMW 328 Kamm Coupé è un esempio eccezionale di quanto futuro ci sia nel passato di BMW”, ha raccontato Baumer rallegrandosi di quest’anteprima mondiale sul lago di Como.



In BMW si era consapevoli della straordinarietà delle automobili della Mille Miglia sin dalla vittoria del 1940, quando le vetture da corsa furono portate lontano da Monaco per nasconderle in campagna e preservarle così dalla distruzione della guerra. È per questo motivo che tutte e cinque le automobili restarono quasi illese. I tumulti del primo dopoguerra, tuttavia, riuscirono a separare la flotta argentata sparpagliandola nel mondo intero. Solo la Kamm Coupé restò in Germania. Ernst Loof, già ingegnere BMW, l’aveva messa al sicuro per sé e la utilizzava come auto privata. Nel frattempo, era diventato egli stesso produttore di automobili e fornì alla Germania del dopoguerra la veloce auto sportiva Veritas. Sempre in lotta con le avversità finanziarie, dopo alcuni anni Loof fu costretto a separarsi dal suo gioiello. La Kamm Coupé, comunque, non era destinata a trascorrere una lunga vita con il nuovo proprietario perché agli inizi degli anni Cinquanta fu rottamata a seguito di un incidente.



I primi sforzi per ricostruire il veicolo risalgono alla metà degli anni Novanta. Grazie all’ausilio di documenti provenienti dall’archivio del BMW Group e da collezionisti privati, di misurazioni al computer nell’ufficio ricerca e sviluppo e delle abili mani di carrozzieri e specialisti di motori, è oggi possibile presentare per la prima volta al pubblico in occasione del Concorso d’Eleganza Villa d’Este questa memorabile auto da corsa. Per Karl Baumer si tratta di un progetto straordinario: “Ci sono state molte sfide tecniche, molte discussioni e innumerevoli ore di ricerca, ma quando si vede l’auto per la prima volta si capisce con quanta passione e professionalità tutti abbiano partecipato all’opera, oggi come allora.”



Insieme alla 328 Kamm Coupé, BMW presenta al Concorso d’Eleganza Villa d’Este un’esposizione speciale delle altre automobili che, il 6 maggio, prenderanno il via alla Mille Miglia.



Il Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2010

Nel fine settimana del 23-25 aprile 2010, i magnifici prati del Grand Hotel Villa d’Este e di Villa Erba a Cernobbio, sul Lago di Como, si trasformeranno di nuovo in uno scenario unico che ospiterà le più belle automobili delle epoche passate e le più stravaganti concept car del presente. Disputato per la prima volta nel 1929, nel medesimo luogo, oggi il Concorso d’Eleganza Villa d’Este è, nel suo genere, la manifestazione di maggiore tradizione al mondo.

Dopo l’inizio della manifestazione per gli ospiti invitati al sabato, alla domenica, nel parco attiguo di Villa Erba, il Concorso offrirà nuovamente a tutti gli appassionati di automobili l’opportunità di vedere da vicino queste automobili da sogno. Oltre alle vetture già presentate il giorno precedente, numerosi altri classici d’alto rango saranno mostrati in esposizioni speciali. Il prezzo del biglietto d’ingresso a Villa Erba è di 14 Euro, ridotto 8 Euro.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©