Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Creato con silicone e tessuto cardiaco di ratto

Il nuovo pacemaker è una medusa artificiale

Elaborato da ricercatori di Harvard e California Institute

Il nuovo pacemaker è una medusa artificiale
23/07/2012, 20:25

Silicone e tessuto cardiaco di ratto possono sembrare una strana combinazione, ma la scienza può far miracoli partendo da circostanze insolite. Si tratta della nuova generazione di pacemaker biologici, che non avrà bisogno di segnali elettrici per funzionare. Un gruppo di  ricercatori americani dell'Harvard University e del California Institute of Technology ha creato il "medusoide" e ne ha descritto lo studio su "Nature Biotechnology". Sembrerebbe una medusa, ha gli stessi impulsi, lo stesso aspetto, ma il funzionamento assomiglia a quello di un cuore umano. La cyber-medusa è stata messa in un bacino d'acqua salata e con una scossa elettrica la nuova scoperta ha iniziato a muoversi, attraverso movimenti sincronizzati molto simili a quelli delle vere meduse.
E' proprio uno degli autori del lavoro, Kevin Kit Parker di Harvard ad aver spiegato l'origine dell'invenzione: "Guardando una medusa al New England Aquarium, ho subito notato le somiglianze e le differenze con il cuore umano".
Il "medusoide" ha otto braccia esili, è composto da un materiale gelatinoso ed è stato incorporato dal tessuto di un ratto, necessario per fornire alla creatura la funzione di pompaggio. L'obiettivo finale sarà quello di escludere dal processo del nuovo bio-pacemaker la necessità di una fonte esterna di energia per poterlo attivare.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©