Cyber, scienza e gossip / Religione

Commenta Stampa

Il messaggio diffuso in occasione della giornata della pace

Il Papa ribadisce il no della Chiesa all’unione tra gay

Il Pontefice “Feriscono pace e giustizia”

Il Papa ribadisce il no della Chiesa all’unione tra gay
14/12/2012, 13:28

ROMA – Ribadisce il no forte e convinto della Chiesa ai matrimoni tra gay Benedetto XVI e lo fa nel suo messaggio, diffuso in occasione della Giornata della pace. “I tentativi di rendere le nozze tra un uomo e una donna giuridicamente equivalenti a forme radicalmente diverse di unione – dice il Papa - sono un'offesa contro la verità della persona umana e una ferita grave inflitta alla giustizia e alla pace”.

Insomma per il Pontefice a la struttura naturale del matrimonio va riconosciuta e promossa, mentre forme radicalmente diverse di unione contribuiscono alla sua destabilizzazione. E l’azione della Chiesa nell’appoggiare il matrimonio tra un uomo e donna, a sentire Papa Benedetto XVI, non ha carattere confessionale, ma + rivolta a tutte le persone, prescindendo dalla loro affiliazione religiosa: “Tale azione – aggiunge il Pontefice - è tanto più necessaria quanto più questi principi vengono negati o mal compresi, perché ciò costituisce un'offesa contro la verità della persona umana, una ferita grave inflitta alla giustizia e alla pace”.

Non mancano parole, poi, anche contro l’eutanasia e l’aborto. “Chi opera nella pace è colui che ama e difende la vita nella sua integralità e lo fa rispettando la vita umana, considerata nella molteplicità dei suoi aspetti, a cominciare dal suo concepimento, nel suo svilupparsi, e sino alla sua fine naturale. Ogni lesione alla vita, specie nella sua origine, provoca inevitabilmente danni irreparabili allo sviluppo, alla pace, all'ambiente”. Non è neanche giusto per Benedetto XVI, nemmeno è giusto codificare in maniera subdola falsi diritti o arbitrii, che, basati su una visione riduttiva e relativistica dell'essere umano e sull'abile utilizzo di espressioni ambigue, volte a favorire un preteso diritto all'aborto e all'eutanasia, minacciano il diritto fondamentale alla vita. 

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©