Cyber, scienza e gossip / Religione

Commenta Stampa

Il Santo - video


.

Il Santo - video
19/09/2013, 13:05

Le notizie storiche sulla vita di San Gennaro si perdono nel mito e nella leggenda. Secondo una delle tradizioni più accreditate, sarebbe nato a Benevento nel 272 da una famiglia di umili origini. Un’altra fonte invece lo farebbe discendere dall’antica e nobile gens Ianuaria, Procolo sarebbe stato il suo vero nome, mentre Ianuarius era dunque il cognome di famiglia. Nulla si sa sulla sua formazione o conversione, è attestato infatti già Vescovo di Benevento, amato e rispettato sia dai cristiani che dai pagani. Più precise sono invece le fonti relative al suo martirio: nel 305 recatosi a Pozzuoli durante una visita ai fedeli fu catturato da Draconzio, governatore della Campania, e condannato a morte nel corso dell’ultima persecuzione dei cristiani. Sarebbe stato decapitato nei pressi della Solfatara, ma una leggenda ci racconta che per lui era stata decisa una morte ancora più cruenta: essere sbranato dalle fiere all’interno dell’anfiteatro di Pozzuoli, ma ciò non accadde perché le belve s’inchinarono mansuete dopo la sua benedizione. Un altro evento miracoloso racconta che durante la visita del Santo a Nola, imprigionato per atti di proselitismo dal giudice Timoteo, fu condannato a essere gettato vivo in una fornace, ma ne uscì miracolosamente illeso e le fiamme avvolsero i pagani accorsi ad assistere al martirio. Sepolto nell’Agro Marciano le sue spoglie furono condotte a Napoli solo nel V secolo, dal Vescovo Giovanni I, all’interno delle catacombe che ancora oggi recano il suo nome. Sebbene la canonizzazione ufficiale avvenne solo nel 1586 con papa Sisto V, San Gennaro assunse il rango di Santo da subito, già dal 472 i cittadini napoletani si recavano presso le sue spoglie per chiedere la famosa “grazia”, soprattutto contro guerre e calamità naturali. Ancora oggi il patrono di Napoli è uno dei santi più amati al mondo, secondo una recente stima del Vaticano, sarebbero circa 25.000.000 i devoti di tutte le nazionalità che ogni anno celebrano la ricorrenza del 19 settembre.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©