Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

Il 30 aprile del'93 il Cern la rendeva disponibile a tutti

Il web libero compie 20anni

Nato dalla necessità della scienza di condividere dati

Il web libero compie 20anni
30/04/2013, 18:08

ROMA - L'accesso libero al World Wide Web, universalmente noto come Web, la ragnatela, compie 20 anni: il 30 aprile del 1993 il Cern di Ginevra rendeva infatti pubblica la tecnologia utilizzata e la rendeva disponibile liberamente a tutti e senza diritti. «Venti anni fa - ha spiegato Stefano Moriggi, filosofo della scienza all'Università degli Studi di Milano-Bicocca - fu deciso di aprire il Web al pubblico: uno strumento di comunicazione nato all'interno della comunità scientifica e pensato per semplificare la comunicazione e la condivisione delle informazioni fu ritenuto uno strumento utile a tutti e messo a disposizione di tutti». Noto con l'acronimo di Www oppure più semplicemente Web, questo servizio internet fu creato nel 1989 da Tim Berners-Lee, un ricercatore del Cern, per favorire la condivisione delle informazioni tra i fisici di università e istituti di ricerca, e reso pubblico il 30 aprile del 1993. «Si tratta di una tecnologia - ha proseguito Moriggi - nata per far fronte a una necessità intrinseca alla comunità scientifica, ossia della necessità di un confronto continuo e di condividere dati. Si è trattato quindi dell'estensione tecnologica di una logica interna alla comunità stessa». Dopo essere stato usato per alcuni anni dagli addetti ai lavori, il Cern decise nel '93 di aprire il servizio a tutti rinunciando a qualsiasi forma di diritto d'autore. «Una decisione che ha cambiato il mondo - ha spiegato il filosofo - non c'è dubbio su questo. Ha cambiato le regole della comunicazione e anche i modi in cui ci relazioniamo tra noi». «Non c'è settore della società - ha spiegato Rolf Heuer, direttore generale del Cern - che non sia stato trasformato dalla invenzione, all'interno di un laboratorio di fisica, del web. Il web è un potente esempio del modo in cui la ricerca di base possa portare benefici all'intero genere umano». Per celebrare l'anniversario della pubblicazione del documento che ha reso gratuita la tecnologia Web, il Cern ha ora avviato un progetto per ripristinare il primo sito della rete, oggi non più in linea, realizzato da proprio da Berners-Lee. Il progetto prevede di restaurare il sito che descriveva le caratteristiche di base del Web, come accedere ai documenti di altre persone e come impostare il proprio server, e rimettere in sesto anche il server originale, un computer NeXT, su cui era ospitato.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©