Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

trend positivo grazie agli incentivi in Spagna e Regno Unito

In Europa il mercato dell'auto in ripresa. Fiat + 14,6%


In Europa il mercato dell'auto in ripresa. Fiat + 14,6%
16/10/2009, 19:10

Continua il rimbalzo del mercato auto in Europa grazie agli incentivi varati dai vari governi. A settembre, secondo quanto comunica l'Acea, Associazione dei costruttori automobilistici europei, le immatricolazioni di auto nuove in Europa  sono salite a 1,39 milioni di unità, +6,3% rispetto allo stesso mese del 2008. Per quanto riguarda l'Italia, il mercato ha segnato un +6,8% rispetto allo stesso mese 2008. Nei primi nove mesi invece, conclude l'Acea, in Europa si è registrata una flessione delle vendite del 6,6%.
Nel mercato che cresce, Fiat Group Automobiles fa meglio, ottenendo un +14,6%. In crescita tutti i marchi: Fiat +13,7%, Lancia +16,6 e Alfa Romeo +21. Exploit in Germania, dove Fiat incrementa le vendite del 65,7 in settembre e del 97,3 nel progressivo annuo. Nei primi 9 mesi Fiat, fanno notare a Mirafiori, si muove in netta controtendenza: +3% in un mercato che segna -4,8%. La quota si attesta all'8,9%.
Per quanto riguarda le altre case, oltre a Fiat hanno aumentato le vendite a settembre Volkswagen group, 3,7%; Psa Group (6,8), Gm, 0,7, Renault, 15,1; Nissan 27,5; Hyundai 53,7; Kia 35,3; Mazda, 3,9 e Jaguar, 3,6. In calo Daimler, -11,5%; Suzuki, -7,7; Mitsubishi, -6,2 e Chrysler, -23,7.
Il successo del brand, rilevano al Lingotto, è stato raggiunto grazie agli ottimi risultati di vendita delle versioni ecologiche, che usufruiscono degli incentivi applicati in varie nazioni.
A settembre si rafforza la ripresa delineatasi da giugno. sottolinea uno studio del Csp (Centro studi promotor), che identifica la ragione principale del miglioramento di settembre al fatto che stanno andando a regime i nuovi e più consistenti incentivi varati il 18 maggio sia dalla Spagna che dal Regno Unito. Csp osserva tuttavia che l'andamento positivo di settembre dipende dà una crescita del 9,6% dei 18 mercati Ue15+efta, mentre il mercato dei paesi nuovi membri accusa una contrazione molto pesante (-36,4%). Inoltre va detto anche che, nel grande mercato dell'Europa occidentale, la ripresa riguarda i cinque maggiori paesi e, tra i mercati minori, interessa soltanto Austria, Svizzera e Norvegia. In tutti gli altri paesi è ancora profondo rosso.


 

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©